Teen Lust

Teen Lust


Almost Over! Last chance for Loud Music, Soft Kisses, Hot Nights & Cold Beer!

Quelle belle cittadine americane, piene di famiglie sorridenti che contribuiscono alla pace e alla società. Quelle belle famiglie americane sorridenti e perfette. Tutta questa perfezione sembra essere parodiata da “Teen Lust”, un sexploitation, che ha come unico pregio proprio il fatto di prendere in giro questi capisaldi. Almeno, così ci sembra di capire ed è lì che ci pare che volesse finire.

Ci sembra? Ci pare? Beh sì, perché tutte queste velleità sono ben nascoste dai tanti nudi e del sesso che imperversa in questa pellicola a discapito di una almeno decorosa trama. Un film uscito in una variante infinita di nomi come “High School Teasers”, “Police Academy Girls” nel logico tentativo di...

Read More

House of Flesh Mannequins

House of Flesh

Mannequins


Queste immagini, questo film…non è solo un film

Ho la fortuna di avere tra i miei contatti di Facebook Domiziano Christopharo e sono molto contento, perché ogni suo film è un viaggio mai banale, nel profondo, dove storia e regia sono in perfetto equilibrio.
Una di quelle persone con cui si passerebbe volentieri qualche ora a discutere di cinema e del suo pensiero, probabilmente uscendone disturbati. Ma è un altro discorso.

La cosa eccezionale del regista romano è che già nel suo film d’esordio aveva le idee chiare: criticare la società, smascherare le ipocrisie e sì, colpire duro il pubblico. Questo è l’oltraggioso, il coraggioso, ironico e più che indipendente “House of Flesh Mannequins” del 2009...

Read More

The Devil Hunter

The Devil Hunter

-What do you know of this island? Who inhabits it?
-A strange tribe whose god demands sacrifices, human sacrifices, especially women, whose hearts he eats.

L’Eurociné poteva perdere l’occasione di entrare nel mondo dei cannibali, tra fitte giungle, Dei cattivi e tette e nudi? Ma no certo che no, non si può di certo perdere il momento migliore. E tra i vari esemplari di questo filone prodotti dalla mitica compagnia europea dell’exploitation c’è “El Canibal” o “The Devil Hunter”, un cannibal movie (più o meno) diretto dal sempre caro Jesus Franco.

Un Franco più che mai commerciale e più che mai votato al risparmio, che prova a dare un senso artistico al tutto soltanto nei primi minuti con una narrazione parallela che vede da un lato i cannibali di ...

Read More

The Night Walker

The Night Walker


Will It Dare You To Dream of Things You’re Ashamed to Admit!

Il pensiero deve essere stato più o meno questo “Ho Barbara Stanwyck e Robert Taylor come protagonisti e Robert Block come sceneggiatore, quindi, risparmierei sui gimnicks”. Beh, naturalmente non sappiamo veramente come siano andate le cose, quello che è certo è che il nostro William Castle, qui rinuncia ai suoi leggendari colpi promozionali a effetto, togliendoci dunque quell’eccentricità che l’ha reso unico.

Oddio, non è l’unica cosa cui il regista americano rinuncia, perché col passare del tempo “rinuncia” a raccontarci una storia elettrizzante, facendo affidamento sulla presenza dei già citati grandi nomi.
Mostri sacri e attori di maniera interpreti di un film dal grande impianto teat...

Read More

Vita Smeralda

Vita Smeralda


-Allora Signor Jerry come andiamo con l’happy hour? Di categoria?
-Affermativo!
-See you later!


Ne abbiamo dette tante nei confronti di Zio Jerry Calà ma questa volta dobbiamo dargli merito di alcune cose. Giusto due eh! La prima è che incentra la storia di questo film su tre ragazze e non sui soliti vitelloni in vacanza. Tre ragazze, con la voglia di divertirsi e di fare sesso. Esattamente come i maschi, esattamente come avrebbe fatto Jerry Calà che invece di essere protagonista si mette di lato, in un filone secondario della storia.
Poi il buon Jerry, il Re, dei film vacanzieri, descrive esattamente il periodo...

Read More

Panarea

Panarea


 Cos’è cos’è che brucia piano piano, che brucia piano piano, che brucia piano piano? Il gazebo di papà, il gazebo di papà, il gazebo di papà, il gazebo di papà!

Chissà la reazione di chi, cercando informazioni su Panarea, s’imbatte nei film girati/ambientati sull’isola e legge: “L’Avventura” di Antonioni, “Caro Diario” di Moretti e soprattutto “Panarea” di Pipolo. Tre film che sono entrati, per diverse ragioni, nella storia del cinema. Se per i primi due, rimandiamo a siti istituzionali e importanti paroloni, per il terzo invece apriamo un (im)meritatissimo elogio.

Innanzitutto questo è l’ultimo film di Pipolo per il cinema e di certo il buon Giuseppe Moccia, mostra di aver perso tutta l’ispirazione che l’ha portato a creare tante commedie, alcune ...

Read More

Abbronzatissimi – un anno dopo

Abbronzatissimi –

un anno dopo


 Ai Caraibi? I Caraibi sono out! Parola d’ordine…Made in Italy

A volte ci domandiamo il senso di un film e spesso è una frustrazione cercare risposte. Poi, ci si imbatte nell’intervista al regista Bruno Gaburro e tutto diventa più chiaro “Quei film nascevano anche perché, dovevo smaltire le raccomandate”. Gli fa eco Jerry Calà “Nel due hanno fatto un’accozzaglia, non si capiva, dove iniziavano e finivano le storie”. Se il regista e Jerry Calà, che con tutto il bene che gli si può volere non è sinonimo di cinema d’essai, si pronunciano con questi termini, cosa si può dire di questo film? Niente, a parte che è un’inguardabile accozzaglia.

“Abbronzatissimi – un anno dopo”, arriva in realtà due anni dopo, cercando di tenere i...

Read More

Abbronzatissimi

Abbronzatissimi


Al “fratellino” del mitico non gli bastano più la Gina e la Pina, ma gli ci vorrebbero la Jessica e la Kim intesa come Basinger…

Ultime scene in quel di Cortina. “Perché non legarci anche a Vacanze di Natale?” avranno detto Castellano & Pipolo che hanno scritto la sceneggiatura e soprattutto Jerry Calà, dietro a tutto il progetto. Come dice quest’ultimo in un’intervista a “Stracult”, “Abbronzatissimi” nasce innanzitutto dopo un colpo di “mercato” di Vittorio Cecchi Gori, che strappa il comico alla concorrenza, cioè a De Laurentiis. I primi sono falliti e il secondo ha comprato il Napoli Calcio, tanto per sottolineare chi ne capisse di mercato.

Comunque il buon Jerry, propone un film fatto con amici e pronto a giocarsela con la concorrenza nel per...

Read More

Rimini, Rimini – Un anno dopo

Rimini, Rimini

Un anno dopo


Ora rimangio e poi ti spezzo i globuli rossi!

Avremmo dovuto essere più curiosi, diciamo affamati, considerando che eravamo adolescenti di un anno più vecchi. E sì certo, anche il sequel di “Rimini, Rimini” ci riporta a qualche interessante ricordo adolescenziale, tra tette, battute volgari e doppi sensi, ma c’è sempre stato un qualcosa, anche all’epoca, che non ci hai mai convinti fino in fondo.

E quel qualcosa è che qui, seppur possa sembrare strano, si scende ancor di più di livello rispetto al predecessore. Bruno Corbucci, con Mario Amendola e Sergio Donati, scrive la sceneggiatura, restando fedele (inutile da dire) al canovaccio del genere e prendendo nuovi interpreti che dovrebbero richiamare un grande pubblico. Rimini, come scrisse qual...

Read More

Rimini, Rimini

Rimini, Rimini


– Gildo che cosa fai?
– Niente, raccoglievo la forchetta.
– Non ne avrai mica approfittato per guardarmi le gambe? Lo sai che non porto le mutandine?
– Ah, mi sembrava tu avessi delle mutandine nere di peluche..

Colpa dei Vanzina o della tradizione dei film vacanzieri? Beh, forse non è colpa di nessuno dei due se dopo “Sapore di mare” prolificano negli anni ottanta e prima parte anni novanta una serie di filmetti scollacciati e senza arte, che riprendono il tema vacanziero e che ottengono quasi sempre buoni riscontri al botteghino. Alla fine la colpa è di produttori e sceneggiatori, semmai, che si lanciano, come sempre, su un soggetto potenzialmente redditizio.

La colpa in “Rimini, Rimini” è invece di Serena Grandi, che ci obbliga a scindere questa recensione ...

Read More