Emanuelle In America

Emanuelle In America


-Quel tuo amico che arriva domani… quel Bill è solo un collega o è il tuo uomo, siete fidanzati?
-Non esattamente, il nostro rapporto è un po’ particolare…un rapporto molto libero per tutti e due…
-Capisco il tuo desiderio di libertà ma tu non sai cosa perdi, dimmi cosa c’è di più bello di una serata a due davanti a un caminetto
-Tutte le serate?

Giornalisti e fotografi alla ricerca di scottanti verità. Il giornalismo d’inchiesta è un lavoro che può essere svolto in vari modi, corretti, non corretti o lontani dal codice deontologico. Beh, il metodo di Emanuelle non si può di certo definire ortodosso e magari la caccerebbero dall’ordine professionale ma è sicuramente uno dei più interessanti che abbiamo mai visto. Sesso. Orale, completo, etero e saffico, ai quali aggiungiamo delle caramelle a forma di pene e soprattutto la zoofilia della quale però non è la protagonista. Con questi mezzi l’eroina femminista, giornalista e fotografa di modelle, raggiunge tutti i suoi obiettivi, magari non vince il Pulitzer ma è la protagonista di un film pieno di eventi.
Joe D’Amato alla sua seconda regia nella serie “Emanuelle”, riesce a creare quello che è il più rappresentativo e anche il più forte (nelle immagini) episodio della serie. A livello di caratterizzazione, Emanuelle raggiunge il suo apice di donna libera, sensuale e implacabile, mentre
la storia è un susseguirsi di situazioni erotiche arouEmanuelle In Americand the world (New York, Venezia, Caraibi, Washington, Africa). D’Amato usa una formula semplice, perchè in fin dei conti non fa altro che cucire una lunga sequenza di momenti di sesso, spezzati da azioni e  filosofia della protagonista. Anche se di base il film è tutto qui, funziona, non annoia e soprattutto non ha sbavature come il suo predecessore. 

Certo è che i momenti creati solo per tirare avanti sono tantissimi, come quelli “scult”, vedi il cavallo masturbato o i filmati “snuff” ma D’Amato è bravo a gestire il tutto e a cercare anche una regia e una fotografia decente (in qualche punto ci riesce pure). E con la Gemser in forma, che riesce come non mai a rendere credibile la sua Emanuelle, la missione si compie.
Questo giro del mondo erotico, parte dallo studio di New York di Emanuelle, passa per uno psicopatico che la vorrebbe uccidere ma che cambia idea dopo una fellatio e prosegue
Emanuelle In America in un harem di un trafficante, nel quale tra momenti lesbo ed etero mette a segno il primo scoop giornalistico della storia. Poi, a Venezia, scopre la tristezza dell’alta borghesia in una festa che sembra la versione low-cost di quella di “Eyes Wide Shut” e ancora ai Caraibi è alle prese con un resort per donne ricche in cerca di sesso. Un posto questo in cui rischia la vita, ma scappa seducendo la direttrice e pagando il taxi in natura. Non contenta delle emozioni forti indaga su un giro di “snuff movie” smerciati da un importante politico di Washington e infine l’Africa dove si riposa, si sposa con un capo tribù e riparte per nuove avventure in una chiusura che ironizza sui media.
Un buon lavoro per il genere e che raggiunge il top nelle scene “snuff”, il miglior
momento di cinema. Girate con camera a mano e con l’ausilio di Giannetto De Rossi riescono a essere molEmanuelle In Americato d’impatto, tra stupri, oli bollenti, falli di ferro e mammelle tagliate. Così fatti bene che come si può immaginare crearono diversi problemi.
Naturalmente “Emanuelle In America” ha anche la versione hard core con scene aggiunte e pensate in post-produzione e con Marina Hedman tra le protagoniste. 
Le musiche del fidato Nico Fidenco riescono ad accompagnare le mirabolanti e poco vestite avventure di Emanuelle, che sottolineano le performance di Laura Gemser e anche di Gabriele Tinti, della splendida Paola Senatore e di tanti volti noti come Lars Bloch, Roger Browne, Riccardo Salvino o come la starlet Lorraine De Selle
 
english2
Scheda Tecnica
Titolo Originale: Emanuelle In America
Titoli Alternativi: Brutal Nights, Emmanuelle na América (Brasile),Emmanuelle i Amerika (Danimarca), Emmanuelle en América (Spagna), Emanuelle Amerikassa (Finlandia), Black Emanuelle en Amérique (Francia), I Emmanouella stin Ameriki (Grecia), Black Emanuelle – Stunden wilder Lust (Germania)
Regia: Joe D’Amato
Anno: 1977
Nazione: Italia
Cast: Laura Gemser, Gabriele Tinti, Paola Senatore, Roger Browne, Riccardo Salvino, Lars Bloch, Lorraine De Selle, Marina Hedman
Durata: 100′
Casa di Produzione: New Film Production
 
 



Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.