Profumo

Profumo
 

Gli anni ottanta tra champagne, alta classe e vestiti orrendi, sono, in tutto il loro disgustoso splendore, in questo dramma del 1987. Chiariamoci, per dramma non intendiamo il genere cinematografico di riferimento ma il giudizio unico e oggettivo che si può fare su questo film. Pessima regia. Pessima storia. Pessima recitazione. Cioè: non c’è nulla che funzioni.

Ti vedo sei bellissima ma sono stufo di questi giochi tanto è inutile non puoi continuare a scappare…ritorna”
“Certo lo so…avevi ragione tu ovunque io vada non riuscirò mai a liberarmi di te. Ho soltanto una possibilità e presto te ne accorgerai
Nulla d’interessante a parte la presenza di Florence Guérin, la bellissima attrice francese, che rappresenta l’unico motivo valido per vedere questa pellicola. Florence Guerin
Giuliana Gamba una delle poche donne ad aver girato in Italia film porno (per poi passare a miniserie e documentari Rai) parte dal concetto caro degli anni ottanta, il sesso morboso immortalato giusto un anno prima da “9 ½ Weeks”.
Da qui si apre una storia d’amore, con lui appassionato del “famolo strano” ma con classe e lei, Lorenza (la Guerin) naturalmente sottomessa, umiliata e soprattutto denudata in ogni momento. Dall’erotismo poi si passa al dramma con Lorenza, che cerca di fuggire dal marito, incontra un aitante giovanotto dalla bellezza androgina e lo coinvolge nella sua vendetta.

Florence GuerinNon solo una trama piuttosto scarsa e una realizzazione fiacca ma “Profumo” riesce a sprecare anche il tema della bellezza sul confine uomo-donna trattato in una maniera melensa e superFlorence Guerinficiale.

E quindi sì, come già detto, non ci resta che guardare la straordinaria bellezza di Florence Guérin peraltro solo quella, perché le tante scene erotiche che la vedono protagonista sono spesso trash e toccano il punto più basso in quella in cui lei in un gioco hard versa la Coca Cola addosso al partner, al posto, chiaramente, dello champagne. E c’è una bella differenza.Il terribile e violento marito di Lorenza è interpretato da Luciano Bartoli attore più che noto nel cinema di genere mentre l’aitante giovanotto androgino è Robert Egon attore tedesco, qui agli esordi, poi interprete de“Il Fantasma di Sodoma” di Fulci e meta-cinematograficamente de “Un Gatto Nel Cervello”. Egon non ha fatto carriera e a quanto pare riteneva il cinema solo un passatempo preferendo di gran lunga l’arte. Fonti riportano che è morto nel 2010 nella sua casa vicino a Roma.

english2
Scheda Tecnica
Titolo Originale: Profumo
Titoli Alternativi: Bizarre, Asynithista Pathi
Regia: Giuliana Gamba
Anno: 1987
Nazione: Italia
Cast: Florence Guerin, Luciano Bartoli, Robert Egon, Stefano Sabelli, Giuliano Sestitli, Vasco Santoni, Erminia Garofano
Durata: 98’
Casa di Produzione: Metro Film Srl



Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.