Femmine Infernali

Femmine Infernali


Il nuovo direttore vi vuole pulite! È un patito dell’igiene ricordatelo!

Lloyd Kaufman non sbaglia mai. Fiuta un B Movie come il miglior cane da tartufo e ci si butta sopra. Cosa ci guadagni non è chiaro, ma anche in questo caso fa una scelta giusta. Pubblicato su DVD per la compagnia di New York, “Escape from hell” è un film italo-spagnolo del 1980 originariamente intitolato “Femmine Infernali”.

Si tratta di un Women in prison con qualche piccola differenza rispetto ai suoi simili, con una regia adeguata ma con una lunghezza eccessiva. Uno di quei lavori consigliabili ai fan dei film brutti e uno di quei film che per risparmiare ha diviso cast, crew, location (e forse pure giorni di ripresa) con “Orinoco: Le prigioniere del sesso”.
Alla regia c’è Edoardo Mulargia noto nel cinema di genere più per gli spaghetti western che per altro e che chiude con questi due film la carriera. La sua regia è sorprendentemente buona malgrado non sia abilissimo nei momenti di azione e violenza e nei momenti erotici.

“Femmine Infernali” è ambientato in una foresta, dove un gruppo di prigioniere ai lavori forzati, se la deve vedere con dei carcerieri maschi, invece che con la solita lesbo warden e collaboratrici varie. Quindi la violenza arriva in maniera diversa. Non ci sono esperimenti o detenute favorite dalla warden, ma stupri e pure rapporti etero consensuaCintia Lodettili. Ma il lato lesbo, che ogni “WIP” deve avere non manca di certo e ci pensano le storie d’amore tra le recluse.
Non manca nemmeno chi, tra i carcerieri, aiuta le ragazze a scappare che in questo caso è il medico del campo, che beve per la vergogna di lavorare lì dentro.

Un film non innovativo e realizzato male, ma che tutto sommato non sfigura in mezzo a tanti altri suoi simili. Il cast è composto da nomi noti del cinema di genere. A comandare la brigata femminile c’è Ajita Wilson mentre il medico simpatizzante è interpretato da Anthony Steffen. Il cattivo è il buon Luciano Pigozzi e il resto della batteria femminile si fa notare per la presenza di Cristina Lay e soprattutto per Cintia Lodetti, già (molto) apprezzata ne “Le Porno Killers” e poi, purtroppo scomparsa presto dal mondo del cinema.


Scheda Tecnica
Titolo originale: Femmine Infernali
Titoli alternativi: Hellfire on Ice, Part 2: Escape from Hell. Escape from Hell(internazionale) Die Schwarze Nymphomanin teil 3: Escape from Hell (Germania DVD),Kvindefængslet i Sydamerikas jungle (Danimarca),El infierno de las mujeres, Escape de un cárcel de mujeres (Spagna), Pako helvetistä (Finlandia), Les évadées, Les évadées du camp d’amour (Francia), Hell Prison (UK),O Campo Infernal das Mulheres Perdidas (Portogallo), Побег из ада (URSS), Sen de Öleceksin, Öldür (Turchia), Escape, Escape from Hell (USA, DVD),Die Liebeshexen vom Rio Cannibale (Germania)
Anno: 1980
Nazione: Italia/Spagna
Regia: Edoardo Mulargia
Cast: Ajita Wilson, Luciano Pigozzi, Anthony Steffen, Cintia Lodetti, Cristina Lay
Durata: 92’
Casa di produzione: Arturo González Producciones Cinematográficas, SNPC – Società Nazionale Produzioni Cinematografiche

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>