Rape Zombie: Lust of the Dead

Rape Zombie:

Lust of the Dead


History’s most powerful leaders’ most dreaded fear was to be unpopular with the opposite sex

Non ci è chiaro se i problemi con il sesso li abbiano i giapponesi o noi che mostriamo molto meno le nostre perversioni. Poi qui si va pure oltre alle perversioni e soprattutto si parte subito in maniera diretta, senza filtri. Una scena di violenza domestica e poi una scena, volutamente assurda (per quanto sia impossibile ironizzare sulla questione), di uno stupro in strada. E ancora altre immagini di violenze e testimonianze con una canzone hard core che ripete “Rape Zombie! Rape Zombie!”.

Pur non essendo conservatori dobbiamo ammettere che Naoyuki Tomomatsu prende una strada dura per questo suo lavoro. Certo, l’intento di questo primo film di una lunga saga non è quello di shoccare il pubblico ma di fare un sano splatter un po’ pinku-eiga come solo i giapponesi con la loro craziness sanno fare. Anzi, come Tomomatsu, come ben sappiamo, sa fare bene.

Quindi per quanto il concetto di violenza sia molto deprecabile, quel mattacchione di Naoyuki raggiunge ogni suo obiettivo, con un film forsennato, pieno di sangue, tette e di improbabili eroi e altrettanto ridicoli mostri.

A quanto pare dopo un attacco nucleare i maschi di tutto il mondo iniziano ad avere comportamenti molto strani. Violentano le donne e diventano zombie affamati. Di fatto questo è un virus che si trasmette con rapporti sessuali e soprattutto con l’eiaculazione.
A fermare quest’ondata di violenza c’è un gruppo di donne composto da un’infermiera, una casalinga, un’impiegata e una studentessa (insomma tutti i sogni erotici nipponici) armate fino ai denti e in compagnia dell’unico uomo che sembra refrattario alla trasformazione. Tra teste mozzate, scene di sesso, tette strizzate, schizzi di sangue, l’impresa non è facile.
La regia di di Tomomatsu molto movimentata cerca di farci vivere la velocità e la violenza degli eventi che con effetti speciali molto semplici, qualche efficace CGI ci porta nell’ennesima follia del Sol Levante.

 

 

 

Scheda Tecnica
Titolo Originale: Reipu zonbi: Lust of the dead
Titoli Alternativi: Rape Zombie: Luxúria dos Mortos (Brasile), Rape Zombie. La lujuria de los muertos vivientes, Rape zombie: La lujuria de los muertos vivientes (Spagna), Rape Zombie: Lust of the Dead (Italia), Lust of the Dead (USA), Rape Zombie: Lust of the Dead (Internazionale)
Anno: 2012
Nazione: Giappone
Regia: Naoyuki Tomomatsu
Cast: Rina Aikawa, Yui Aikawa, Kazuyoshi Akishima, Asami, Norman England, Hiroshi Fujita
Casa di produzione: Gensou haikyuu-sha Ltd., Laughter, New Select
Durata: 73’

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>