El Retorno de los templarios

El Retorno

de los  Templarios


Let us see your face! You evil knight of Satan!

Una donna di profilo nuda con una spada tra le cosce e una serie di brutti mostri intorno, che ricordano gli altrettanto brutti mostri di Amando De Ossorio. Questo è l’ambizioso poster internazionale di un film spagnolo intitolato “El retorno de los Templarios” che evidentemente fa riferimento ai lavori del regista spagnolo famoso per i suoi film horror.

Vick Campbell è invece lo pseudonimo di Victor Gomez, regista catalano di questo film, specializzato in zombie e in gore, come si vede abbondantemente nei primi venti minuti che passano tra donne frustate, sangue e violenze varie, su fondo musicale.

La storia come il titolo originale lascia intuire riprende il filone templari/zombie e inizia nella maniera più facile possibile. Siamo nel 1311 a Buitrago e un gruppo di templari se ne va in giro a giustiziare (a frustate) le donne che loro ritengono essere streghe e a cercare le vergini per l’immortalità (?). Poi, vengono uccisi da una rivolta popolare. Ci spostiamo nel 1974, dove assistiamo alla vita di tre donne e alla resurrezione dei templari che riemergono dalle tombe (in realtà da sotto la sterpaglia) senza alcun motivo. La loro missione è quella di continuare a sterminare le presunte streghe e iniziano così a lasciare una lunga (e assurda) scia di sangue, cercando anche di allungareEl Retorno de los templarios un po’ le mani sulle vittime.

L’idea di spostare il tutto verso il gore o il torture porn, poteva anche avere un senso, considerando il soggetto e la produzione indipendente. Ma Campbell nonostante conosca l’ambito non ne fa una giusta a cominciare proprio dalla violenza e dal sesso, assolutamente poco credibili e molto banali. La parte horror invece non va oltre a qualche effetto carnevalesco.

A livello tecnico il tutto è girato con un evidente equipaggiamento molto amatoriale, con poche luci e forse c’è pure un tentativo, maldestro, di darci i colori saturi degli anni settanta. Una riproposizione storica assolutamente ridicola, per non parlare delle scene ambientate nel 1311.
Un film veramente brutto, di quel trash che non fa simpatia e non ci dà quelle malsane soddisfazioni da maniaci. Un improbabile omaggio (se di omaggio si può parlare) o un’operazione commerciale piuttosto discutibile, che Amando De Ossorio che è morto un po’ di anni prima di questo film, si è fortunatamente perso.

 

 

Scheda Tecnica
Titolo Originale: El Retorno de los Templarios
Titoli alternativi: El monte de las ánimas (Spagna), Graveyard of the Evil Dead (Asia), Graveyard of the Blind Dead, Graveyard of the Dead (Internazionale)
Nazione: Spagna
Anno: 2007
Regia: Vick Campbell
Cast: Thais Buforn, Anarka De Ossorio, Albert Gammond, Rick Gomans, Anthony Gummer, Eloise McNought
Casa di produzione: Fusionator Productions
Durata: 71’

Tags:  

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>