Category Musica

Articolo 31 – Strade di Città

Articolo 31 – Strade di Città

Un anno e mezzo fa rimbalzavano le notizie su J-Ax e DJ Jad, che se le davano verbalmente di santa ragione. Niente di che, cosucce tra ex soci. Niente che potesse interessarmi a parte il fatto che mi ero sempre chiesto che fine avesse fatto Jad. 
Più o meno è andata così: il DJ duro e puro, che segue il dogma dell’hip hop, sparito dalle luci della ribalta (ma di nuovo attivo nella scena underground o come volete chiamarla) decide di fare dei concerti con il nome “Articolo 31”, per omaggiare e rinfrescare quanto fatto in passato. Massì, possiamo dire anche per attirare molto più pubblico. 
L’altro ormai star indiscussa, non ci sta e lo diffida. Questa è solo l’ultima tap

pa di una lunga crisi post separazione. 

E poi a un certo punto, scoppi...
Read More

Thegiornalisti- Love

Thegiornalisti- Love

“Oh, non iniziare con tutte quelle cazzate, se scrivi dell’ultimo disco dei “Thegiornalisti”. Non dire tutte quelle robe del tipo “si sono venduti”, “riempiono i palazzetti e quindi non sono indie e usano quei synth di merda anni ottanta, per non parlare dei testi banali” ecc.ecc.” (Mi mandi un vocale di dieci minuti soltanto per dirmi cosa devo scrivere).
Breve riassunto di una discussione su Whatssap, in merito all’attesissimo nuovo album della band romana o, per meglio dire, di Tommaso Paradiso visto che è sempre più un one-man band. 
Da bravo blogger una piccola introduzione con cose che probabilmente già sapete, ma che devono esserci in un qualsiasi articolo. 
“Love” presentato come la svolta romantica del gruppo, parte da un titolo che è

una risposta all’od...

Read More

Dee Dee King – Standing In The Spotlight

Dee Dee King – Standing In The Spotlight
Lo sapete che voglio bene a Dee Dee Ramone, come se fosse un parente. E che quando è morto è stato uno shock. Così come per Joey e Tommy (un po’ meno per Johnny). Il german kid, boicottato dai suoi soci ai quali continuava a scrivere, nonostante tutto, le canzoni. 
Eh, però il mio Ramone preferito, nel 1989 ne combina una molto grossa, cioè, decide di staccarsi dal punk rock, per entrare nel mondo del rap con il nome Dee Dee King.
In realtà questa voglia si manifesta un paio di anni prima, quando il nostro pubblica il singolo “Funky Man”, che pur essendo pessimo lo spinge appunto a pubblicare “Standing In The Spotlight”. “Well let me tell you about myself/I play the bass in a punk rock band/Been to all the world/Even to Japan/And no...
Read More

Trombe di Falloppio – Santi Numi

Trombe di Falloppio – Santi Numi

C’è una cosa che dopo anni voglio dire a tutti. Tra i tanti rammarichi della mia vita, c’è quello di non essere mai riuscito ad avere una maglietta delle “Trombe di Falloppio”. Una serie di sfortunati eventi mi ha tolto la possibilità di avere questo importante feticcio. 
Dopo un concerto all’Hiroshima (quando era in via Belfiore), mi rendo conto di aver speso i soldi che avevo nel biglietto del tram e in una birra. Già, si girava

con pochi soldi all’epoca e quelli dell’Hiroshima avevano pure venduto la birra a un minorenne che viaggiava in tram! Poi dopo un concerto in una birreria, loro, il gruppo dico, avevano finito le magliette! (e lì chi aveva bevuto, erano loro e non io). Però una piccola soddisfazione l’ho avuta...

Read More

Sunflowers – Castle Spell

Sunflowers – Castle Spell



Sono a Porto e oltre a bere l’omonimo vino, devo assolutamente comprare un vinile di un artista del posto. 

Da un po’ di tempo ho deciso di fare così, al posto dei soliti souvenir. Tanto poi è una cosa facile vero? Beh…sì, se vai in una qualsiasi città della Gran Bretagna o degli Stati Uniti o comunque in un posto che conosci profondamente.  Ma in Portogallo, anzi, proprio a Porto, per me è difficilissimo. Non conosco nessuna band del posto e nessuna band portoghese in generale. Quindi, non mi resta che entrare in un negozio di dischi e affidarmi a un tizio magro, con capello lungo e maglietta di un gruppo metal, che sta dietro al bancone. 

Esco da lì con “Castle Spell” dei “Sunflowers” e per quanto ne possa sapere, bellicapelli, potrebbe ave...
Read More

Boy Azooga – 1…2…Kung Fu

Boy Azooga “1…2…Kung Fu”


Una canzone su tutte in quest’ultimo mese è stata il mio tormentone o per meglio dire il mio earworm, visto che ci troviamo alle prese con un gruppo gallese. La canzone in questione è “Loner Boogie” dei Boy Azooga, una band di quattro ragazzotti dall’aspetto ordinario, che parte col bonus di essere gallese (non ho mai capito perché essere gallesi sia un plus, ma sono d’accordo). Quindi con grande aspettative ho atteso l’uscita del loro disco che segue a stretto giro un paio di singoli, molto interessanti.

“Loner Boogie” è un pezzo di soli 2’ irresistibile nei suoi giri garage/punk, cioè, semplicemente un pezzo grandioso. Questa forza era quello che mi aspettavo da “1…2…Kung Fu” che a sorpresa però si apre con il delicato elettro...
Read More

Gorillaz – The Now Now

Gorillaz – The Now Now

Il fatto che io veneri Damon Albarn, mi mette in una condizione non facile e soprattutto di parte. Molto di parte. Tanto di parte. 
E scusatemi se ogni tanto vedo le cose con gli “occhi del cuore”, ma questo tipo di Chelsea accompagna i cambiamenti della mia vita da più di venti anni, mentre lui (Gorillaz, Blur, The Good, the Bad & the Queen e altro inclusi) si è evoluto a sua volta.  

Quindi, non fateci caso se scrivo poche righe sulle due cose che non mi piacciono di “The Now Now”. E cioè che manca quasi del tutto la sperimentazione e i Gorillaz perdono così le loro più famose caratteristiche, ci sono pochi ospiti e c’è più Albarn che Gorillaz. 

Hey! Lo so, lo so, i Gorillaz, sono Damon Albarn (e Jamie Hewlett eh!) ma spesso in questo album ci sente ...
Read More

Gwenno – Le Kov

Gwenno – Le Kov

A un certo punto BBC 6 passa una cosa in una lingua incomprensibile, che sembra gaelico o giù di lì. Scopro poi essere il Cornish, ovvero la Lingua Cornica, una lingua celtica parlata in Cornovaglia che è riuscita a sopravvivere all’oblio e rimanere sulla bocca di poche ma appassionate persone (già la Cornovaglia di suo ha una popolazione di circa mezzo milione di abitanti e pare che solo 600 persone sappiano bene il Cornish).

Chi canta è gallese, si chiama Gwenno Saunders ed è figlia di un poeta Cornish e di una attivista gallese (arresta più volte per vandalismo)...

Read More

Intervista a Paolo Zunino: “Sanscemo, la sterzata alla musica”

Intervista a Paolo Zunino: “Sanscemo, la sterzata alla musica”

Grazie Paolo, per aver accettato questa intervista su “Sanscemo”


Grazie a te, ma voglio subito dire che non sono uno che vive di passato. Mi sembra di fare il tributo ai morti! Ah! Ah! Ricordo “Sanscemo” con grande affetto, senza però montarsi la testa, perché sono cose che sono avvenute, hanno avuto senso nel loro periodo ed è giusto ricordarle perché hanno fatto parte del proprio percorso artistico o creativo.

“Sanscemo” nel suo piccolo è stato un concetto rivoluzionario. Un successo inaspettato. Come è iniziato tutto e chi eravate, cosa facevate e in cosa speravate?

Come si dice di solito, tutto è nato per caso.  A  fine anni ottanta suonavo in giro

Paolo Zunino

per Torino e per “in giro” int...

Read More

Sanscemo: Se negli anni novanta non hai tirato verdura, hai avuto una vita triste

Se negli anni novanta non hai tirato verdura, hai avuto una vita triste
(ovvero ti sei perso Sanscemo)

Un po’ di tempo fa ho regalato a mio padre uno di quei cosi che servono a passare le VHS su file. Così può ricattare tutti quelli che sono apparsi in quei filmini imbarazzanti di vita famigliare da metà anni ottanta in poi. Un paio di giorni fa gli ho chiesto se mi prestava quell’aggeggio.

“A che ti serve?”
“Devo sbobinare quattro VHS di “Sanscemo”. Te lo ricordi “Sanscemo”?”
“Certo, sì. Ti ho portato nel 1992, l’edizione che ha vinto Dario Vergassola

Il logo di Sanscemo

, quella in cui c’era quel gruppo i “Trenini Svizzeri” che cantavano “Tarattatà” o qualcosa del genere…l’organizzatore era un certo Paolo…”.


Ok. Se lo ricorda “Sanscemo”...

Read More