Category Film

Exorcism

Exorcism

practitioner of gruesome satanic rites.

Euro sleaze in piena regola, per mano del buon Jesús Franco, che scrive anche la sceneggiatura collaborando con altre persone. La storia è piuttosto interessante: un ex prete, ora scrittore, redime dal peccato alcune donne che considera peccatrici, torturandole fino alla morte.
Un’idea interessante che però è realizzata molto male, rendendo noioso anche quell’(in)sano BDSM che spunta qua là e diversi corpi nudi delle attrici tra i quali spicca quello di una giovane e naturalmente bellissima, Lina Romay.

Qualcuno ha scritto che ci vorrebbe un regista che rifacesse, con le debite modifiche, il tutto. E sono pienamente d’accordo...

Read More

Doppio Misto

Doppio Misto

-Cicci…te lo ricordi Federico Rosseti?
-Certo che me lo ricordo
-Non sta tanto bene sai?
-Lo credo, è morto da due anni

Coppie buone per vincere un doppio misto in un torneo ATP. Per gradire: Tinì Cansino e Moana Pozzi (non credo serva aggiungere altro), Gigi e Andrea e, infine, Gianni Ciardo a suggellare il tutto.

L’inizio è pure convincente. Dopo pochi minuti s’intravede una tetta di Moana Pozzi alla quale ribatte Tinì Cansino sotto la doccia. Game in tre minuti. Dopo quest’avvio interessante il film si blocca in maniera esagerata, portando questo “Doppio Misto”a una sconfitta impensabile, visto il cast, ed esagerata.

Innanzitutto le due bellissime e formose attrici sono un semplice richiamo commerciale, mostrano sì qualcosa, soprattutto Moana, ma niente ...

Read More

Porno Esotic Love

Porno Esotic Love

Allora, com’è questa danzatrice del serpente?
-Beh, è una magnifica amante

Eva, cioè Laura Gemser, sogna l’amata Iris (Annj Goren) mentre fa sesso, esplicito s’intende, sulla spiaggia con due ragazzi neri. Aprire con threesome è cosa per molti ma non per tutti.
Ma questo è Joe D’Amato, che presenta una, a dir poco geniale, operazione riciclo di “Eva Nera”, mostrando invidiabili doti di montaggio e la già proverbiale fantasia.
Qui, infatti, il nostro prende ampi spezzoni del suo film del 1976, con Laura Gemser e Gabriele Tinti e li mischia con scene hard in cui i protagonisti sono Annj Goren e Mark Shannon, che non hanno bisogno di prenotazioni.
Per molti “Porno Esotic Love” è una versione hard di “Eva Nera” anche se a dire il vero la storia ...

Read More

Queen of black magic

Queen of black magic

He seduced and destroyed her. Now, she would make them pay!.

Il grazioso mondo del cinema a buon mercato asiatico, con effetti speciali artigianali e una trama che prende dal folklore locale e che non si perde in inutili questioni. Ecco, mi viene in mente il modo di fare degli Shaw Brothers e nello specifico, visto il tema, “Black Magic” e “Black Magic 2”. Nonostante molti (imdb compresa) cataloghino questo film come un sequel dei due che ho appena citato, non ci sono Run Run e Run Me Shaw, non siamo a Hong Kong, ma in Indonesia, un’altra nazione che sul tema weird non ha mai scherzato molto.

Alla regia Lilik Sudjio, regista indonesiano di genere, che qui dirige un cast noto in patria con una certa Suzzanna come protagonista.

Beh, il titolo ci toglie u...

Read More

Return to Return to Nuke ‘Em High Aka Vol. 2

Return to Return

to Nuke ‘Em High

Aka Vol. 2

-Who’s is ready to fuck?!!!

Joe Fleishaker, cioè, Lardass nonché il protagonista del simpatico scherzo che ci ha fatto per anni la Troma e Lemmy Kilmister, che non sono più con noi, apprezzerebbero l’intro di questo film dedicato a loro. Ragazze nude in uno spogliatoio che si lanciano oggetti, mentre una di loro sotto la doccia, ricordando la scena di “Carrie”, pensa che le sia venuto il ciclo, ma in realtà è qualcosa che arriva dalla centrale nucleare costruita vicino alla scuola. Come ben sappiamo. Seguono esplosioni, sangue, scoregge. In perfetto stile Troma.

Un grande inizio una nuova avventura degli alunni della scuola contaminata, che si trovano ancora una volta a combattere contro la Tromorganic di Lee Harvey Herzkauf (i...

Read More

The Babysitter: Killer Queen

The Babysitter:

Killer Queen

-Is that a can of silly string in your left pocket or are you just really happy to see me?
-The, um, silly string’s in my right pocket.

Riecco Cole, il ragazzo sfigato che ora va alle superiori. Ed è sempre sfigato e soprattutto bullizzato e preso per pazzo a seguito di quella folle storia di satanismo e babysitter di due anni prima. Cole è tornato ed è sempre lui. Torna anche buona parte dei protagonisti del primo episodio, chi dagli inferi, chi dalle linee narrative di contorno. Non torna invece quel senso totalmente coglione e superfluo che salvava il primo episodio, piazzandolo tra le comedy horror per giovani, ma senza esagerare con la parodia e dandoci, un po’ di sangue. Non un capolavoro, come ho scritto, ma un film che si lasciava guardare.

Q...

Read More

Horror of the Blood Monsters

Horror of the

blood monsters

You’ll scream yourself into a state of shock!

Come si fa a parlare con un’aliena Tagoni? Molto semplice, si mettono un aggeggio nel cranio, tagliando dietro l’orecchio e cambiando così le sue onde cerebrali. Operazione da fare tranquillamente all’aperto e in pochi secondi, eh.
Al Adamson è uno dei motivi dell’esistenza di questo blog e il geniale regista americano ogni volta regala grandi soddisfazioni. Qui, però, tocchiamo punte memorabili, sia dal punto di vista della storia che da quella della produzione.
“Horror of the blood Monsters” si apre con dei vampiri urbani che fanno incetta di vittime...

Read More

La Professoressa di scienze naturali

La Professoressa di

scienze naturali

Una coscia! Una coscia che si scoscia
Che?
Che si spoglia!
-Ah!

Come tutti quelli della mia generazione, come tutti quelli della generazione precedente, cresciuti con questi filmacci, ho sperato per anni di avere una professoressa cosi. E come sempre, quando guardo film di questo sotto genere, il mio pensiero va alle speranze disilluse.
Ma non voglio divagare, ma parlare di questo film del 1976 di Mariano Laurenti, direttamente, in cui il commento sonoro di Alessandro Alessandroni e la bellezza di Lilli Carati fanno dimenticare almeno in parte la ripetizione del canovaccio del genere.
Va anche detto, come pregi che, Gianfranco D’Angelo non fa il professore di ginnastica, ma il farmacista e che Mario Carotenuto non è un preside ma un prete...

Read More

The Fruit is Ripe

The Fruit is Ripe

As free as the breeze…As wild as the wind

Patricia, la protagonista, si fa largo nella vita a colpi di tette. E la cosa forse ha sconvolto chi in Italia decideva i titoli e che ha trasformato “Griechische Feigen” (cioè i “Fichi greci”, meglio conosciuto come “The Fruit is ripe”, “il Frutto è maturo”) in “La porno villeggiante”.
Chissà se questo titolo “gustoso” ha portato al cinema più gente di quello che avrebbe fatto una traduzione letterale, ma di certo ha stravolto il senso di un film che non è un porno e non parla di una villeggiante che scopa senza pensarci più di tanto. Anzi, “The Fruit is ripe” parla di libertà, emancipazione, di voglia di vivere e critica apertamente la società e chi ne è al comando...

Read More

St.Tropez, St.Tropez

St.Tropez, St.Tropez

Ma sai che questa cosa delle mazzate, mi sta facendo arrapare più della filosofia di Abbagnano?

Anche se siamo nel 1992, c’è ancora qualcuno che ha voglia di anni ottanta. Fuori tempo massimo. E non è una gran cosa per un film.
Castellano & Pipolo sono i registi e autori di una sceneggiatura che punta su quattro donne forti, protagoniste delle solite storie che viaggiano in parallelo. Ma a parte questa interessante idea, le scelte del cast sono quasi tutti sbagliate e le vicende non hanno mordente. Non si ride, insomma, nemmeno per sbaglio.

Oltre a una recitazione pessima e un’orrenda colonna sonora (anni ottanta of course) di Zambrini, c’è pure un’azzardata scopiazzatura di “L’emmerdeur”, meglio conosciuto nella versione cinematografica americana...

Read More