Category Recensioni

Una cavalla tutta nuda

Una cavalla tutta nuda


Poi, far la guerra è più facile che far la pace

Ne abbiamo già visti tanti e di tanti ne abbiamo scritto e scusate dunque la ripetizione, ma ci troviamo in uno di quei casi che a parte il titolo e una scena, c’è ben poco da vedere. Poi la scena e il titolo convergono e il tutto arriva abbastanza presto.
In ogni caso che sia sempre benedetta Barbara Bouchet, la cavalla del titolo, che ci appare come una visione per ben pochi minuti, tutta nuda (come dice il titolo) a carponi, con Don Backy che la palpa cercando di trasformarla in una cavalla sotto lo sguardo dello stupido marito.
A parte questa breve parentesi, questo decamerotico tra i primi del suo genere, ha ben poco da dire. Renzo Montagnani e Don Backy sono sicuramente due protagonisti azzeccati ma la s...

Read More

Sotto il vestito niente

Sotto il vestito niente


Ricorda fotomodella che tu sei fatta di carta e non di carne…

È morto Carlo Vanzina e ci arriva un messaggio “Come mai non avete mai parlato dei suoi film?”. Già, vero, dieci anni sono passati da quando è nato questo sito e mai abbiamo scritto di un film di Vanzina. Perché? Perché il suo cinema non rientra nella nostra idea di trash e ovviamente ancor meno di indipendente. Insomma, semplicemente non ci piace, al netto di qualche bella commedia s’intende (“I Fichissimi” o “Eccezzziunale… veramente” per dire).

Quindi non siamo tra quelli che si sono lanciati in elogi a sorpresa per la sua morte, ma vista la domanda che ci hanno posto, siamo andati a spulciare tra i nostri ricordi e soprattutto nella sua filmografia, ritrovando alcuni film che sì...

Read More

Les deux orphelines vampires

Les deux

orphelines vampires


-Our day for us is blue.
-The light for us is black…
-and other people’s sun has made us blind…
-but when it is hidden…
-…our dream begins.

Come dice quel detto che “il primo amore non si scorda mai”, Jean Rollin torna dopo circa quindici anni al caro amato tema dei vampiri. Per diverse e inaspettate congetture il regista francese vive un inaspettato momento di fama e di apprezzamento per la sua filmografia.
Incredibile vero? La sua rinascita e riscoperta inizia con la pubblicazione di un volume enciclopedico del cinema a firma di Cathal Tohill e Pete Tomb, che appunto scopre e fa uscire dalla tomba (virtualmente s’intende) il regista francese.

Su quest’ondata di felicità, Rollin dirige un film liberamente ispirato a un suo omonimo romanzo e il cui t...

Read More

Espectro del estrangulador

Espectro

del estrangulador


Quelle belle storie con leggende e misteri che s’intrecciano. Non quella de “El Santo” (che sì, è una leggenda) ma quella di un film che sembra proprio un’abile manipolazione di scene tagliate del suo predecessore con qualche aggiunta e qualche interprete accreditato ma non presente. Leggenda o astuta mossa del produttore Alberto Lopez? Chissà, di certo questa è la sua ultima collaborazione con El Enmascarado de la Plata e possiamo dire che la relazione lavorativa tra i due si chiude con un b movie, che più b non può essere.

Un film tra l’altro molto corto e che ha molti diversi musicali e pochi momenti di lucha libre, oltre a una trama “misteriosa”, vale a dire che non si capisce molto...

Read More

Rape Zombie: Lust of the Dead 3

Rape Zombie:

Lust of the Dead 3


What do women know about love? Re-educate men!? Give me a break, women! We won’t let women control men’s concept of love or sex drive!

Dove eravamo rimasti? Ah sì, due donne che si strizzavano le tette, mentre zombie arrapati cercavano di violentarne il più possibile e gli ultimi maschi sani rimasti si godevano la scena. E dove siamo adesso? sempre nello stesso posto, sempre con gli stessi problemi, perché d’altronde il terzo capitolo dei rape zombie è stato girato in contemporanea col predecessore con il quale è stato anche presentato.

Ma a parte un inizio eccessivamente lungo che riassume le precedenti avventure il terzo capitolo della saga di Tomomatsu, prende pian piano, nuove e inaspettate strade evitando, almeno in parte, il rischio di annoia...

Read More

Cicciolina e Moana “Mondiali”

Cicciolina e Moana

“Mondiali”


–Oh mangnifico, siamo due sue fanatiche fans! Ci faccia un autografo
-Ok, ok, ma dove ve lo pongo?
-Veramente se ce lo ponesse nel culetto saremmo molto contente

L’Italia è fuori dai Mondiali di calcio, si sa. Ed è con una certa nostalgia che ripensiamo alle vittorie e soprattutto, visto che non c’è nulla da vedere, a due fuoriclasse che hanno portato in alto il nome della nostra nazione e in questo caso della nazionale. Ok, ok, una è ungherese, lo sappiamo tutti, ma il nostro incipit non avrebbe funzionato con questa premessa e comunque poco importa, perché Cicciolina ha dato tanto per l’Italia, oltre a comporre con Moana Pozzi una coppia esplosiva.

Ora possiamo e potete pensare a tutte le battute del caso “ha toccato più palle lei che Maradona...

Read More

Box Office 3D – Il film dei film

Box Office 3D

Il film dei film


-Dottor Strong, la sua competenza in simbologia mi imbarazza!
-Pensa quanto imbarazza me dire tutte ‘ste cazzate.

Sappiamo che non ci crederete, ma questa storia è vera. Ed è una doppia storia horror. Estate 2011, un amico resta folgorato da una ragazza che conosce a una festa. Inizia in tutti a modi a provarci, lei resiste e lui scopre che è una grande appassionata di cinema. Così gli viene in mente un’idea vincente: l’imminente Festival di Venezia. Brillante, elegante, perfetto e pure romantico. La convince ad andare con lui per un week-end tra amici sulla laguna e in gran segreto si procura i biglietti per il Festival. Anzi di più, per la preapertura del Festival...

Read More

Bobbie Jo and the Outlaw

Bobbie Jo

and the Outlaw


Bobbie Jo was a car hop, she wanted to be a country singer. He was a hustler who dreamed he was Billy The Kid. For a while they had something… and then…

Ci dispiace scrivere quello che scrivono tutti, ma in effetti, questo film passa alla storia unicamente per essere l’unico film in cui si vede Lynda Carter senza vestiti. Fugacemente, bisogna sottolineare, ma è l’unica testimonianza del genere. Ma sì, certo, cari fan, è anche il suo film d’esordio che apre a una lunga e iconica carriera.

Nel caso in cui non sappiate chi sia Lynda Carter, vi siete persi un’icona sexy e soprattutto un telefilm arrivato in Italia negli anni ottanta e che in tempi in cui non esistevano i siti porno, stuzzicava le fantasie...

Read More

Chicken Park

Chicken Park


– Glielo dica anche lei dottoressa in che mani è il suo uccello…
-Non potrebbe essere in mani migliori…credimi…mmmm

Ogni volta che esce un nuovo capitolo del franchise “Jurassic Park”, il nostro cervello trash non fa altro che pensare al pezzo più pregiato dei film ispirati al lavoro di Crichton/Spielberg. Altro che blockbuster americano! E sì che di cose che hanno cercato di seguire la scia, ce ne sono state parecchie (a tal proposito si cita il godurioso “Dinosaur Island”), ma niente, nulla e nessuno, ha raggiunto le vette di “Chicken Park”. Jerry Calà dirige Jerry Calà. Ed è tutto dire.

Dietro a tutto ciò troviamo quel volpone di Galliano Juso che convince e sfrutta l’aurea del comico simbolo della più banale comicità anni 80, della “Milano da bere”, ...

Read More

Giovannona Coscialunga disonorata con onore

Giovannona

Coscialunga

disonorata con onore

Non pe’ fa’ la superbia ma al paese mio mi chiamano Giovannona Coscialunga, però Robertuzzo mi ha fatto cambiare… dice che Cocò mi rende più fine

Nessuno disonora la Giovannona del titolo, perché nessuno può disonorare la Regina Edwige. E soprattutto perché questo titolo da decamerotico è molto esagerato rispetto a quello che in realtà si vede.

Comunque gli amanti della commedia erotica all’italiana, non hanno da lamentarsi vedendo questo film di Sergio Martino (soggetto scritto dal fratello Luciano e da Carpi e sceneggiatura da Milizia, Mercuri e Veo), che non delude le attese, grazie soprattutto a un ottimo cast usato al meglio...

Read More