Category Webserie & TV

The Walking Dead – nona stagione

The Walking Dead

nona stagione

I’ve seen how you live. I’ve walked your streets. It’s a joke. Your communities are a
shrine to a long dead world

Perché continuo a farmi del male guardando “The Walking Dead”? Bella domanda. Forse perché voglio vedere se succede qualcosa di interessante. Che non succede.
Beh, la nona e stanchissima stagione, un po’ di speranza l’aveva data, sembrava arrivare la svolta, il colpo che poteva riaccendere il tutto. Alla fine è Scooby Doo che uccide ogni speranza. Cioè, non proprio il famoso cagnone di Hanna & Barbera, più che altro una soluzione alla Scooby Doo, tanto banale quanto assurda...

Read More

Beat

Beat

Derrick, soci e cani poliziotto, sembra da un po’ di tempo che siano stati messi in cantina dai vari registi e sceneggiatori tedeschi. E per fortuna. Addio al nazionalpopolare (almeno in parte sia chiaro) e benvenute serie che osano e che sono riuscite ad alzare il livello delle loro storie. Tipo “Deutschland 83” e “Deutschland 86” e il ricchissimo “Babylon Berlin”. Tutte fondate tra l’altro su fatti storici. Ma è con “Beat”, a parer nostro, che i tedeschi mostrano definitivamente di saperci fare. Sia, chiaro, nulla da togliere alle sopracitate serie TV (a parte “Deutschland 86”), ma la seconda serie TV tedesca co-prodotta da “Amazon” vanta un’ambientazione a dir poco originale, che viene poi gestita al meglio.
Dietro a “Beat” troviamo l’interessante ...

Read More

Deutschland 86

Deutschland 86


con gli ideali non ci compro nulla, con i soldi sì

Che fine ha fatto quella bella ambientazione, la ricostruzione della vita e dei costumi della DDR? Spariti, quasi del tutto, diluiti in uno scialbo lavoro che richiama i più mirabolanti Eurospy degli anni sessanta.

“Deutschland 83” aveva fatto il botto ovunque (eccetto patria, dove per vari motivi si era rivelato un flop) aprendo le porte internazionali per le serie tedesche. Ed era a nostro modesto parere, superiore a un’altra notissima serie di spionaggio. Così è nata la spasmodica attesa per il suo sequel, ambientato tre anni dopo e finalmente trasmesso su SKY.

Le aspettative erano tante, ma già i primi minuti mostrano qualcosa che appiattisce il tutto. Ed è proprio il fatto che “Deutschland 86” si c...

Read More

The Deuce 2

The Deuce 2


1978. Pleasure Was a Business, And Business Was Booming

Che George Pelecanos e David Simon, non siano due da adrenalina e colpi di scena, si può dire che sia chiaro a tutti. Sono invece due abili e meticolosi costruttori, che mattoncino, dopo mattoncino costruiscono un qualcosa, che a lavoro finito mostra tutto il suo splendore, la sua ricchezza. Questo è quello che viene in mente dopo la visione della magnifica e ultima puntata della seconda stagione di “The Deuce”. E ci dispiace che sia finita. Ma siamo contenti che ci sarà una terza (e ultima, si dice) stagione.

Ripartiamo dai già ben conosciuti personaggi, quelli che cercano di vivere o sopravvivere nella “Deuce” e che ritroviamo dopo un piccolo salto temporale (siamo nel 1978)...

Read More

The Haunting of hill house

The Haunting of

hill house


You’re expected

Mi piace seguire le pagine dei tabloid, tipo “Cronaca Vera” per intenderci o il “Sun”. Tutte quei titoli a cazzo mi fanno impazzire, anche se gli anni d’oro di diavoli che ingravidano e fantasmi porcelloni sembrano passati.
Beh, un giorno mi cade l’occhio su un articolo del “Sun” che diceva “fans have claimed that The Haunting of Hill House is so scary they’re passing out”, riferendosi alla serie TV “Netflix” “The Haunting of hill house”. Gente che non dorme gente che vomita, dopo la visione.
E che sarà mai? Lo dice il “Sun” e ci si può fidare (sì, vabbè) e quindi con l’aspettativa di vedere un’ennesima cafonata horror, inizio a guardare “The Haunting of hill house”...

Read More

Romolo + Giuly: La guerra mondiale italiana

Romolo + Giuly:

La guerra mondiale

italiana


Ho visto morire amichi mia ner gelo di Vigna Clara, ho attraversato da solo il vallo di monte Milvio, nell’ora dell’apertivo, ho rapito quattro vergini dei Parioli e tu sai quanto è difficile trovare una vergine ai Parioli

In questo caso più che chiamarlo gioiellino sarebbe giusto descriverlo con il nome di uno dei piatti della tradizione romana. Oppure Pupone.

Ecco sì, “Romolo + Giuly” è il Pupone delle serie TV. Quei talenti sempre più rari che si vedono di tanto in tanto e che spuntano dal nulla e che per quanto uno possa essere di un’altra “squadra” (cioè non capire il contesto) ne riconosce le qualità e lo apprezza con affetto.
Va detto che non essendo di Roma non è stato subito facile seguire i riferimenti di “Ro...

Read More

Valentina

Valentina


Le emozioni risvegliano i sensi sopiti…non lo sai?

Precisiamo che chi scrive su questo sito è sempre stato anti-berlusconiano ma al Caimano va riconosciuta una certa vision nel mondo della comunicazione (ok, aiutato da vari amici…). Oh, non parliamo del fatto che aveva intuito le potenzialità della TV commerciale, o almeno, non siamo a così alti livelli perché noi ci riferiamo al fatto che aveva capito che più tette ed erotismo metti, più successo hai.

Gli esempi sono tanti e ancora oggi Mediaset la butta spesso su questo punto tra Veline e trasmissioni ammiccanti. Fra i tanti non possiamo però dimenticare la serie “Valentina”, composta da una stagione sola di tredici episodi di venticinque minuti circa. L’idea è geniale...

Read More

The Rain

The Rain


Stay Dry. Stay Alive

Piove! Virus ladro! L’apocalisse arriva in Danimarca e coinvolge pure parte della Svezia, in una serie che è una delle grandi novità di quest’ultimo mese. Perché siamo nella prima produzione danese di “Netflix” (che continua con un’apertura alle nuove proposte davvero interessante) e probabilmente nel primo post-nuke ambientato lassù. In effetti, la Danimarca e la Scandinavia, in genere, ci hanno dato in questi ultimi anni diverse e interessanti serie thriller, ma mai, a memoria (almeno) una cosa in cui si parla di apocalisse.

Quindi la questione “The Rain” si fa interessante, anche se di serie sull’apocalisse ne sono piene le fosse e questa cosa fa scattare l’allarme di essere davanti a un già (stra)visto...

Read More

La Casa di Carta

La Casa di Carta


Sai dove sono finiti tutti quei soldi? Alle banche. Direttamente dalla zecca ai più ricchi. Qualcuno ha detto che la BCE è una ladra? Iniezione di liquidità, l’hanno chiamata. E l’hanno tirata fuori dal nulla Raquel, dal nulla.

Ogni volta che aprivo “Netflix”, spuntava questo titolo, che però non mi diceva granché. Poi, amici, social e siti vari cominciano prepotentemente a parlarne come il capolavoro del 2018 (2018 per l’Italia intendo) e quindi che vuoi fare? Puoi perderti una serie su una rapina, anzi, sulla rapina del secolo? Per di più una serie spagnola, quindi una cosa originale? Ma no, certo che no.

E quindi, ho iniziato a guardare le prime due serie de “La Casa di Carta”, serie di Alex Pina, trasmessa in Spagna, un anno fa sul canale “Ante...

Read More

The Walking Dead – ottava stagione

The Walking Dead – ottava stagione

E come ogni anno siamo qui ad autoflagellarci parlando di “The Walking Dead” e chiedendoci perché, nonostante tutto, lo continuiamo a guardare. Prima di iniziare e sebbene sia già passata una settimana e supponiamo che abbiate visto tutto è giusto dirvi che qui andiamo giù pesantemente di spoiler.

Ora possiamo iniziare. L’ottava stagione di una serie ormai in crisi di idee da almeno tre stagioni (se non quattro), era nelle intenzioni degli autori, quella della svolta. Quella di meno chiacchiere (il più grande difetto), più azione e fazzoletti grondanti lacrime di tristezza. Detta così ci si poteva immaginare una via alla maniera di “Games of Thrones”, nessuna pietà nemmeno per i protagonisti, colpi di scena in ogni dove e capovolgiment...

Read More