Azione tagged posts

Army of Thieves

Army of Thieves

You don’t have to go to Vegas to get lucky

Fare un prequel di un film sugli zombi ma senza gli zombi. Non male come idea. Sì, ok, “Army of the dead” non era solo un film sui morti viventi, ma anche un heist movie con tratti, a volte, romantici. Il suo prequel però, esclude quasi totalmente i mostri per puntare tutto su un heist movie europeo incentrato sulla figura di Dieter, interpretato da Matthias Schweighöfer che dirige su la sceneggiatura scritta da Shay Hatten su idea, ovviamente, di Zack Snyder.
Co-protagonista è Nathalie Emmanuel, l’indimenticabile Missandei di “Games of Thrones”. Ci tenevo a dirlo subito per la mia passione (del tutto artistica) per Nathalie, che qui dimostra ancora una volta una certa bravura...

Read More

Baywatch

Baywatch

Beaches ain’t ready

Critiche spietate, Razzie Awards vinti come se piovesse. Ma consentitemi di dissentire: che vi aspettavate da un film che riprende una serie trash famosa per le tette e i muscoli dei protagonisti? In questo momento una corsa a rallenty dovrebbe apparirvi davanti agli occhi.

Ma a parte questo, pur essendo, in effetti, il film di Seth Gordon, una roba assurda e inguardabile riesce a omaggiare la serie facendo anche una certa ironia che ricorda, in maniera meno brillante, lo stesso modo di fare del film di “Starsky & Hutch”.
Alla fine, questo film del 2017 è “Baywatch” al 100%. Bagnine, bagnini, improbabili momenti di pericolo e un’altrettanto improbabile linea narrativa centrale.

David Hasseloff non è più Mitch Buchannon ma appare come “visione” a...

Read More

Sky Rojo

Sky Rojo

Questo è il mio club. Trascorriamo le notti qui su un divano in similpelle rossa, cercando di apparire meravigliose quanto basta per far sì che dei tizi spregevoli ci portino a letto

L’Armada Invencible delle serie TV spagnole colpisce ancora. Re Alex Pina è inarrestabile e in attesa dell’ultimo capitolo de “La Casa di Carta” e dopo “White Lines”, ci propone in combutta con Netflix il tanto atteso “Sky Rojo”.
Solo otto puntate (tranquilli è già stata annunciata la seconda stagione), di mezz’ora circa in cui si nota il classico stile delle serie spagnole: il kitsch e la tamarraggine. E va sapere perché, tutte o quasi le serie iberiche devono soffrire di questa cosa.

“Sky Rojo” sembra puntare con onore all’exploitation femminile, parlando di sesso e m...

Read More

Alice in Borderland

Alice in

Borderland

Game start

Quelle strane idee giapponesi, tra distopia, mistero, sangue e azione, che ci piacciono tanto e che Netflix, per fortuna, non si è fatta sfuggire. “Alice in Borderland” è una serie Tv tratta dall’omonimo manga (titolo giapponese Imawa no Kuni no Alice) di Haro Aso pubblicato dal 2011 al 2016, al quale poi sono seguiti due spin off e tre Original Anime Video.
Non abbiatene a male, ma non ho letto il manga però da quanto apprendo la serie TV segue con alcune varianti la storia, sia dal punto di vista narrativo, sia da quello dei personaggi.

Personaggi che sono il punto debole di questo lavoro, perché rappresentano i cliché del genere: il protagonista nerd, l’eroina intelligentissima, i villain ai margini della società e una serie di comprimari miste...

Read More

Deutschland 89

Deutschland 89

Il socialismo è in bilico tra possibilità e declino

“La differenza a volte astratta tra un regime imposto con i carri armati ed uno imposto più sottilmente col dollaro, il marco, l’euro” dicevano gli Offlaga Disco Pax in “Tatranky”. Una frase che poteva essere un’ottima chiosa di “Deutschland 89” serie che chiude il trittico Deutschland composto da 83 e 86.

L’annotazione finale comunque c’è e ha molto sarcasmo. Il personaggio principale Martin Rauch la leggendaria spia “colibrì” nei primi mesi nel 1990 si compiace della caduta del comunismo dicendo che “il mondo è libero, la democrazia ha vinto”. Segue riassunto di immagini con quello che è successo da allora a oggi, muro di Trump incluso.
Le cose potevano andare decisamente meglio, ma la...

Read More

Cobra Non È

Cobra Non È

-Devo andare fuori a chiamarlo. Aspettami qua
-L’ultima volta che l’hai detto non è andata bene

Prima di dire cosa è o non è Cobra, bisogna dire che Mauro Russo non è Tarantino. Nessuno di noi è Tarantino. Non è nemmeno Guy Ritchie di “Lock & Stock” o di “The Snatch”. È un regista all’esordio in un lungometraggio che ha fatto diverse esperienze di livello nei videoclip girando per Fedez, Club Dogo, Salmo, Marracash, Clementino, Gue Pequeno e Rocco Hunt e ha una cultura pop, da quel che si vede, invidiabile, oltre ad essere un fanatico del cinema di genere.
L’esperienza nella musica, è il lato positivo, quello che salva questo film, che imita troppo lo stile e i modi del Tarantino più pulp e degli epigoni vari.
Poco originale dunque, ha anche un momen...

Read More

Baywatch

Baywatch

(ode a)

Are you sure this is a life guard initiation thing?
In questo periodo storico, dopo due minuti di telegiornale del mattino, mi viene l’angoscia. Pessimismo e fastidio per questa spiacevole situazione, ma per fortuna c’è “Paramount Network” che riesce ad alleviare il mio stato d’animo. E lo fa con le repliche di “Baywatch”. E non una puntata sola, ma ben due. L’oceano, la spiaggia, il sole e i salvataggi. Ok va bene: le bagnine in costume rosso. E sappiate che buttarsi in quel mare trash e improbabile è un raggio di sole che distrae da tutto quanto.

Sinceramente non avrei mai pensato che “Baywatch” potesse avere quest’onore...

Read More

Hunters

Hunters

Why do the good guys always have to choose to do the right thing?

L’ampia pubblicità che Amazon ha fatto in ogni posto, faceva facilmente intuire che “Hunters” era per il colosso americano, un prodotto di punta, anche per la presenza di Al Pacino.
L’idea nasce da David Weil, nipote di una sopravvissuta all’Olocausto, e giovane e interessante autore che sentiremo spesso in futuro e che non solo ha convinto Amazon, ma anche Al Pacino e un cast di tutto rispetto della bontà della sua storia.
Come il titolo ci fa facilmente pensare, qui, si parla di cacciatori. Cacciatori di nazisti per la precisione, capeggiati da un grandioso Al Pacino la cui partecipazione non è un semplice cameo da star idolatrata per richiamare pubblico, ma un ruolo centrale per le vicende della sto...

Read More

Blue Demon vs. el poder satánico

Blue Demon contra

el poder satanico

La paura mi ha tolto il sonno. Ma a te ti ha fatto impazzire.

Blue Demon, ovvero Alejandro Muñoz Moreno, è una leggenda della Lucha Libre, rivale de El Santo. E dovrebbero essere rivali anche nel mondo del cinema, considerando anche che il produttore Enrique Vergara, decide di dare anche a Blue Demon un suo spazio sul grande schermo, con pellicole molto simili in temi e sviluppi a quelli dell’Enmascarado de la Plata.

Invece, per qualche ovvia ragione commerciale in questo “Blue Demon contra el poder satánico” del 1966, per la regia di Chano Urueta, troviamo El Santo in un cameo in cui rassicura Blue Demon di essere dalla sua parte.

E questa è la migliore cosa di un film sconclusionato, un delizioso b movie, che fa sfoggio di un low budget e...

Read More

The Last Sharknado: It’s About Time

The Last Sharknado:

It’s About Time

History’s biggest disaster comes to an end
Non c’è tempo da perdere nel mondo trash di “Sharknado”. Finiti i titoli di testa, ci sparano subito tre citazioni: “Jurassic Park” “Guerre Stellari” e soprattutto “Ritorno al Futuro” che sarà la colonna vertebrale di tutto il film.
Il nostro immancabile eroe Ian Ziering si lancia a ottantotto miglia orarie in improbabili scene d’azione, sbeffeggiando dinosauri e portando una borsa con la testa (del robot) dell’amata April.
Questo è l’inizio dell’ultimo capitolo di una delle saghe più assurde che il cinema ricordi, arrivata alla meritata fama per puro caso.
L’ultimo capitolo è una specie di ritrovo di vecchi personaggi ritornati in vita grazie ai soliti sceneggiatori scriteria...
Read More