Blaxploitation tagged posts

Sheba Baby

Sheba Baby


Hotter ‘N’ “Coffy” Meaner ‘N’ “Foxy Brown”

Più calda di “Coffy”, più cattiva di “Foxy Brown”, dice la locandina di “Sheba Baby”, ambizioso episodio della blaxploitation. Alla regia l’interessantissimo William Gilder che in una breve e sfortunata carriera riesce a generare succulenti b movie, a far incazzare le major (con “Abby” presunto plagio di “The Exorcist”) e realizzare film di grande successo al botteghino come “Grizzly” e “The Manitou”, suo ultimo lavoro concluso poco prima di morire in un incidente aereo. Indubbiamente un bel personaggio che amava occuparsi quasi in toto dei suoi lavori, scrivendo la sceneggiatura e/o producendo e che qui cerca di sfruttare il filone aurifero della blaxploitation...

Read More

Death Dimension

Death Dimension



Breaking The Ice With A New Science Fiction Film

Probabilmente è vero quello che riporta una delle tagline: “Il film che James Bond stesso andrebbe a vedere!”.  E ci andrebbe per vedere la brutta fine che hanno fatto due suoi noti interpreti. Harold Sakata, accreditato come Harold “Odd Job” Sakata, a rimarcare ancora una volta il suo ruolo in “Goldfinger” e George Lazenby l’amato/odiato interprete di “On Her Majesty’s Secret Service” ai quali si aggiungono altre due star un po’ dimenticate, Terry Moore famosa negli anni quaranta e cinquanta e il rude belloccio Aldo Ray.
Il buon James Bond troverebbe anche interessante una storia che parte dai film di spionaggio, ci mette le arti marziali e lega il tutto con una sana e inarrestabile blaxploitation...

Read More

Black Mama, White Mama

Black Mama,

White Mama
 
 Nothing behind but prison bars. nothing ahead but trouble

Mischiare! Contaminare! Incrociare! È questa la soluzione. Razze, culture, elementi e idee. Una cosa che può portare a creare qualcosa d’interessante di affascinante o semplicemente di curioso. Vale un po’ per tutto, per la musica, per il cibo e lo sapete bene che vale per la bellezza femminile (eh sì… ammettiamo anche per quella maschile ma non ci interessa).
Non sempre la cosa funziona nel cinema, questo va detto, ma non è assolutamente il caso di questo film del 1973. Perché qui il black e white, non sta solo nel titolo, ma è la spiegazione di un film che mischia diversi generi e due protagoniste esteticamente opposte, riuscendo a non uscire dalla strada...

Read More

Super Fly

Super Fly

 

Never a dude like this one! He’s got a plan to stick it to The Man!

Digiti “Super Fly” su Google e si apre un mondo di negozi di moda, di musica, di siti di cinema, di artisti vari e tanto altro ancora, la cui maggior parte s’ispira a questo film del 1972 diretto da Gordon Parks Jr. Quindi questo film deve essere un super fly, cioè deve essere superiore rispetto agli altri, figo o se preferite cool!

Dobbiamo dire però che la visione un po’ delude le nostre attese, perché sebbene sia famosissimo e sia uno degli emblemi della “blaxploitation”, è un film che all’azione preferisce le parole, alla vendetta, la redenzione e che non ha né una buona regia né una buona recitazione...
Read More

Foxy Brown

Foxy Brown





Don’t mess aroun’ with Foxy Brown

Bella, implacabile e molto, molto, alla moda. Foxy Brown! Il personaggio femminile più influente del cinema di genere, il più famoso creato da Jack Hill e interpretato da Pam Grier.
Un personaggio che però fa scoppiare una “sfida” fratricida: meglio “Foxy Brown” o “Coffy”?
Perché Foxy nasce come sequel della “The Baddest One-chick hit-squad that ever hit town” con il titolo di “Burn, Coffy, Burn” ma diventa per volere della “American International Pictures” un capitolo a se stante, ufficialmente staccato, dal precedente film. Una scelta che obbliga a cambiare la sceneggiatura e a omettere, ad esempio, l’occupazione di Foxy.

È solo ufficialmente un film diverso però, perché il tema è lo stesso e l’eroina pur...

Read More

Fight for Your Life

Fight for

Your Life




89 minutes of gut crunching terror!

La fama precede “Fight For Your Life”, una grande fama precisiamo e non è un semplice modo di dire. Violento, razzista, volgare, pesante, difficile da vedere e con immagini oltre il limite.

Eppure questo film del 1977 ha un suo, “fottuto” (lo diciamo per adeguarci al clima della pellicola) senso di esistere. Perché alla fine, parolacce, umiliazioni e violenza filano via lisce, in una storia che cavalca due sottogeneri dell’exploitation, il “rape revenge” e la “blaxploitation”, ispirati naturalmente da “The Last House On The Left” di Craven.
Diciamo la verità, se uno vuol fare un film su questo tema, non può far altro che mostrare il peggio del peggio dell’essere umano, cosa che qui è fatta abbastanza bene e che viene uni...
Read More

The Thing With Two Heads

The Thing

With Two Heads



They transplanted a white bigot’s head on a soul brother’s body!

Lee Frost che firma la regia di un film è già una gran cosa che ne obbliga la visione. Ah l’eclettico Frost! Un grande eroe dei “B’s” che ogni volta ci lascia con la bocca aperta. Anche qui. E lo fa con effetti speciali che sono tutto, eccetto che speciali. Lo fa con il totale risparmio di sangue, che non scorre mai, nonostante la storia ne abbia bisogno. Lo fa con una trama che prende diverse scorciatoie, tutte improbabili, per restare unita e non perdersi durante il percorso.
“The Thing With Two Heads” è quindi un “b movie” clamoroso, trashissimo...

Read More

Sweet Sweetback’s Baadasssss Song

Sweet Sweetback’s

Baadasssss Song



Dedicated to all the Brothers and Sisters who have had enough of the Man

“Chi fa da se fa per tre” dice il saggio, roba da poco però, se la confrontiamo con quanto Melvin Van Peeble fece con “Sweet Sweetback’s Baadasssss Song”.
Van Peeble nel 1971 scrive, dirige, produce, interpreta, fa la controfigura di se stesso, compone la colonna sonora e quando non può farne a meno usa anche i propri figli, per creare questa pellicola. Un film fondamentale, un’opera che ha aperto la porta alla “blaxploitation”.
Senza nulla togliere ai successori e sapete quanto ci piaccia il genere, “Sweet Sweetback’s Baadasssss Song”, viaggia su canali diversi...

Read More

Cleopatra Jones

Cleopatra Jones



She’s “Ten Miles of Bad Road” For Every Hood in Town!
Cleo ha così tanti consensi, che ci si stupisce che non sia Presidente degli Stati Uniti D’America. Gira per strada e la gente la ringrazia, l’inneggia commentando anche la sua statuaria bellezza.
Poi, Cleopatra lavora per le forze del bene, combatte come Bruce Lee ed è amata pure dal capo, bianco, della polizia. Cleopatra Jones è un mito. Esattamente come la pellicola che racconta le sue peripezie. Un blaxploitation fondamentale per il genere, fonte di diversi conflitti ed avversario di un altro cult, “Coffy”.

“Cleopatra Jones” narra la storia di un’eroina che combatte assiduamente e con grande successo un gruppo di malavitosi guidati da “Mommy” una grassa donna bianca, potente e cattivissima che gestisc...

Read More

Blackenstein

Blackenstein


Warning! To people with weak hearts… No doctors or nurses in attendance

Non c’è da sorprendersi che nell’ondata di classici trasposti nella “blaxploitation” ci sia finito anche Frankenstein. Anzi, la sorpresa ci sarebbe stata se nessun regista o produttore avesse pensato a un film sul mostro di Shelley.

Quello che colpisce è che a differenza di film più che degni dello stesso filone, in un periodo nel quale questi erano una miniera d’oro, e con un soggetto così evocativo, questo “Blackenstein” fallisca completamente. È un pessimo filmaccio, anche abbastanza noioso nel quale la produzione risparmia abbondantemente sugli effetti speciali e sull’illuminazione lasciando quasi tutto al buio e all’immaginazione dello spettatore.

Tra protesi incollate male...

Read More