commedia sexy italiana tagged posts

La settimana bianca

La settimana bianca

-Mi sarebbe dispiaciuto perdere il treno per la neve
-Ma guardi che dove stiamo andando mica nevica
-Perché dove va?
-ANapoli!

Parata di stelle del genere fin dalle prime immagini con relativi sponsor, J&B, Ellesse e Sansicario, località sciistica della Val di Susa. Così per chiarire dove ci troviamo: in un film più che commerciale che punta tutto sulle gag dei suoi attori e sulla bellezza delle due donne di punta (Anna Maria Rizzoli e Carmen Russo). Ma a dire il vero sono solo le musiche di Gianni Ferio che hanno qualcosa da dire, beh… oltre alle tette della Rizzoli e all’intimo di Carmen Russo.
Mariano Laurenti è alla guida di un film che sfiora il barzelletta movie poggiandosi sul sicuro e abusato (siamo già nel 1980) canovaccio della commedia sexy all’ita...

Read More

Amore, letti e tradimenti

Amore letti,

e tradimenti

-Un tempo ti bastava guardarmi per eccitarti e pensavi solo a fare l’amore. Adesso non solo non ti ecciti ma pensi al pecoraio
-Scusami ma per me è diventata una fissazione. Se quello non vende sono fottuto!

Dice il proverbio “Contadino, scarpe grosse e cervello fino”. Non so se esiste un proverbio che spieghi il contrario per gli sceneggiatori, che spieghi cioè che a volte il cervello fino non è affar loro e a volte dà vita a un imbarazzante risultato, cercando di seguire un genere e sprecando un cast potenzialmente di qualità. Questo è quello che succede in “Amore, letti e tradimenti” scritto da un certo Mauro Righi e diretto dal buon Alfonso Brescia. Ugo Bologna è in compagnia di Don Backy e di un terzetto di donne da urlo: Marisa Mell, Sonia...

Read More

L’insegnante al mare con tutta la classe

L’insegnante al mare

con tutta la classe

-Potrebbe essere un valido collaboratore. È un ottimo architetto
-Io preferisco le architette
L’insegnante al mare con tutta la classe è in realtà Gino Pagnani, in un non meglio definito, professore veneto. Ma tranquilli, non è lui che si spoglia. L’onere di mostrarci un po’ di carne è sulle spalle di Anna Maria Rizzoli, sfruttata il più possibile con le sue tettole (come dice Banfi nel film) e il suo lato B.
Come si può intuire siamo nell’ennesima declinazione del sotto genere insegnanti, in un film che ha qualche spunto interessante, ma una terrificante e noiosissima seconda parte. Tarantini alla regia, con Milizia alla sceneggiatura, mostra ancora una volta di saper scegliere bene protagonisti e caratteristi.
Perché quello c...
Read More

La liceale al mare con l’amica di papà

La liceale al mare con

l’amica di papà

Chi sei eh? La Banda Bassotti quella dei culi rotti…
Scrivo apocrifo e nostalgico per evitare, per una volta, le solite “seguire la scia” e “ripetere gli stessi schemi”. Quindi sì, “La liceale al mare con l’amica di papà”, è un apocrifo dei film sulla liceale. E non solo quello, perché lo è anche dei film della soldatessa e segue ovviamente i canoni della commedia sexy. Ma andiamo con calma. Prima di tutto la liceale è tirata nella trama a forza e non è, naturalmente, l’originale. È bionda, questo sì, è bella, ci mancherebbe, ed è, Sabrina Siani. un volto noto del cinema di genere.
Il tutto ruota sulle solite storie di corna e contro corna, di fraintendimenti, sotterfugi e situazioni paradossali affidate alle esperte...
Read More

La liceale seduce i professori

La Liceale seduce

i professori

-E’ un merlo indiano e sa pure parlare. Su fatti sentire, saluta!
-Ciao stronzi!
-Ci ha riconosciuto!
Con un’infilata di “Porca miseria”, “Porca sozza” e “Porca puttena”, si apre, con uno stile che prende a piene mani dalla tradizione british, questa commedia della premiata ditta Mariano Laurenti e Franco Milizia. Un film che fa affidamento soprattutto su un cast di richiamo assoluto, vista la presenza di Lino Banfi, Alvaro Vitali, Ninetto Davoli, (il quale tocca punte trash vestendosi da donna) oltre agli ottimi caratteristi Jimmy Il Fenomeno, Fabrizio Moroni, Nando Paone e Carlo Sposito.
Ma come ben sappiamo puoi anche avere un premio Oscar ma quello che conta, in questo genere, è il lato femminile e anche qui, Laurenti schiera una batteria ...
Read More

Venni vidi e m’arrapaoh

Venni vidi e m’arrapaoh


Domenica svortamo, sento odore di scopata. Finalmente scoprirò come è dolce la patata

Come se “Il Tempo delle mele”, odorasse delle scoregge infiammate di Alvaro Vitali. Cioè un’opera trash, d’incredibile qualità, purtroppo poco considerata. Dal titolo, che richiama un’altra opera di vitale importanza (ed è inutile che scriviamo quale), “Venni Vidi m’arrapaoh” non delude le aspettative, dando in ogni fotogramma una grande soddisfazione agli amanti di un certo cinema. E forse, diciamo forse, sappiamo chi è il colpevole. Alla regia c’è un certo Vincenzo Salviani (produttore di “Uomini si nasce, poliziotti si muore”) ma alla sceneggiatura c’è il mitico Mario Bianchi, già nel pieno del suo periodo porno trash.

Ma limitarci alle sco...

Read More

L’infermiera di notte

L’Infermiera di notte

-Nicola… io ho annullato il vecchio testamento…
-La Bibbia?

Su questa cosa non transigiamo: “L’infermiera di notte” è uno dei più fulgidi esempi della commedia erotica e se non siete d’accordo, converrete con noi che è comunque di gran lunga il miglior episodio della categoria infermiere/dottoresse.

Restiamo però convinti della nostra idea e del fatto che Mariano Laurenti qui azzecchi (quasi) tutto aiutato anche dalla scrittura di quella vecchia volpe di Franco Milizia che con lui mette mano alla storia.
Gran parte della fortuna però è dovuta a un cast composto da grandi interpreti del genere, lasciati liberi di galoppare a tutta velocità nelle sterminate pianure del trash...

Read More

Rimini, Rimini

Rimini, Rimini


– Gildo che cosa fai?
– Niente, raccoglievo la forchetta.
– Non ne avrai mica approfittato per guardarmi le gambe? Lo sai che non porto le mutandine?
– Ah, mi sembrava tu avessi delle mutandine nere di peluche..

Colpa dei Vanzina o della tradizione dei film vacanzieri? Beh, forse non è colpa di nessuno dei due se dopo “Sapore di mare” prolificano negli anni ottanta e prima parte anni novanta una serie di filmetti scollacciati e senza arte, che riprendono il tema vacanziero e che ottengono quasi sempre buoni riscontri al botteghino. Alla fine la colpa è di produttori e sceneggiatori, semmai, che si lanciano, come sempre, su un soggetto potenzialmente redditizio.

La colpa in “Rimini, Rimini” è invece di Serena Grandi, che ci obbliga a scindere questa recensione ...

Read More

Giovannona Coscialunga disonorata con onore

Giovannona

Coscialunga

disonorata con onore

Non pe’ fa’ la superbia ma al paese mio mi chiamano Giovannona Coscialunga, però Robertuzzo mi ha fatto cambiare… dice che Cocò mi rende più fine

Nessuno disonora la Giovannona del titolo, perché nessuno può disonorare la Regina Edwige. E soprattutto perché questo titolo da decamerotico è molto esagerato rispetto a quello che in realtà si vede.

Comunque gli amanti della commedia erotica all’italiana, non hanno da lamentarsi vedendo questo film di Sergio Martino (soggetto scritto dal fratello Luciano e da Carpi e sceneggiatura da Milizia, Mercuri e Veo), che non delude le attese, grazie soprattutto a un ottimo cast usato al meglio...

Read More

La liceale nella classe dei ripetenti

La liceale nella classe

dei ripetenti


Io ho una fidanzata molto moderna: si droga, vede questi film moderni, Arancia Meccanica, Banana Metallurgica…

E per una volta nella commedia erotica all’italiana cambiano le cose. Beh, senza esagerare a dire il vero, ma qualcosa di diverso qui c’è. A iniziare da Gianfranco D’Angelo che parte da un podere in campagna su un cavallo per andare a scuola. È un fascistello ma non insegna ginnastica come al solito, si chiama Pinzarroni e viene accolto dal bidello Anacleto (Jimmy il Fenomeno) e da Alvaro Vitali che nel frattempo è diventato professore (oltre a fare scoregge il nostro studiava di nascosto anvedi ‘sto stronzo…).

La bella non tarda ad arrivare ed è accompagnata dal padre: Lino Banfi che a quanto pare ha avuto una figlia alta ...

Read More