Commedie tagged posts

Black Shampoo

Black Shampoo

Oh my God! Mr. Jonathan, it IS bigger and better!

Diversi miei conoscenti sarebbero pronti a giurare che i parrucchieri per donna sono tutti gay e che le persone di colore l’hanno grande. Luoghi comuni come se piovesse, che finiscono in questo bizzarro film del 1976. Beh, bizzarro a dir poco. Perché “Black Shampoo” è la versione blaxploitation e b’s di “Shampoo” con Warren Beatty uscito un anno prima. Un film che ha una trama che sembra una parodia, tanto è paradossale e incredibile, una di quelle pellicole che un sito come questo non può che adorare.

L’inizio è molto convincente. Siamo in un salone di bellezza. Luci spente e un maschione di colore, Mr.Jonathan, interpretato da John Daniels che in carriera ha toccato due punte trash non da poco (una è...

Read More

The Dirt

The Dirt

The 1980s, the worst fucking decade in human history. Preppies and keyboards, stupid haircuts, Jazzercise, and “Just Say No”. It all fucking sucked! So what do you do when you’re born in the wrong time? You make it yours. And that’s what we did to the Sunset Strip.

Vi ricordate quell’ondata che ha mandato a casa le band hair metal? Certo che sì. Con quel genere ci sono cresciuto e va da se che non sono un grande fan Mötley Crüe e soci.

Poi certo, Nikki Six si stima a prescindere e tutti abbiamo invidiato Tommy Lee (ed è inutile che ricordi il motivo). E infine, ancora sotto shock per le cose viste in “Bohemian Rhapsody”, ho deciso, pur quanto appena scritto, di guardare il tanto annunciato biopic sui Mötley Crüe. Così, come detox.

Innanzitutto bisogna ricordare c...

Read More

Andromina: The pleasure Planet

Andromina:

The pleasure Planet

Men are a disease. They infect us, distract us and generally lower the standard of living.
Tre astronauti sono abituali frequentatori di Andromina, un pianeta famoso per essere un “pleasure planet” in cui c’è un noto strip club, delle galassie.
Purtroppo lo strip club è a rischio chiusura, causa mancanza di ballerine. E i tre, Omar, Cody e Jeeter decidono di partire alla ricerca di nuove ballerine. Finiscono su un altro pianeta dal nome “interessante” cioè, il pianeta Eros. Lì però le loro strade e i loro destini si dividono. Chi viene imprigionato, chi venerato e chi usato come macchina da riproduzione.

La “Surrender Cinema”, che sembra abbia chiuso da pochissimo, è stata una delle case di produzione che come “mission” aveva quella ...

Read More

Night Call Nurses

Night Call Nurses


 

It’s always harder at night

Una ragazza (in topless) si getta da un terrazzo di un ospedale. Il grido, poco credibile, di terrore dell’infermiera non la ferma. E poi parte una musica pop sui volti sorridenti di quelle che si scopriranno essere le tre protagoniste, cioè Barbara, Janis e Sandra. Un inizio a dir poco cinico e malizioso, per l’esordio di Jonathan Kaplan divenuto col tempo, come sappiamo, un regista e produttore importante e lontano da lavori di questo tipo. E non solo, perché tra gli sceneggiatori c’è un altro nome noto: il premiato George Armitage. Produce Julie Corman, la moglie di Roger, con la loro “New World Pictures”.
Il siparietto iniziale che lasciava sperare a qualcosa di weird, in realtà apre a un film girato in quindici giorni...

Read More

Up your alley

Up your alley


They Gonna Kill You With Laffs!

Tipo il cugino di “The Immoral Mr.Teas”, dodici anni dopo. Russ Meyer ben in testa. Tipo il Seymour di “The Little Shop of Horrors” almeno dal punto di vista nerd (e del nome).

In pratica un filmetto deliziosamente demenziale, una commedia erotica, senza grandi pretese ma con nomi (e tette) importanti. C’è Haji e c’è Uschi Digard (che si struscia abbondantemente col protagonista), tanto per fare due nomi noti, ma anche Cheri Caffaro la modella “sosia” di Brigitte Bardot e Luanne Roberts e tante altre bellezze che girano spesso nude agli ordini di Art Lieberman al suo primo e unico film da regista.

Dicevamo che Seymour è il classico nerd che non ha mai avuto esperienze con una donna, nonostante i suoi sogni siano pieni di ...

Read More

Matinee

Matinee


Exactly! What a perfect time to open a new horror movie. Think of it, my friend. Millions of people looking over their shoulder, waiting for God’s other shoe to drop, never knowing if each kiss, each sunset…

“Matinee” ha da sempre un posto d’onore nella lista dei film che hanno ispirato questo sito. Quei film che in tempi non sospetti fanno scattare un’idea che pian, piano (molto piano a dire il vero, ma erano altri tempi) prende forma. La prima volta con “Matinee” fu negli anni novanta, a tarda notte, su Rai 3. Un film mai dimenticato che oggi ritrovo su “Amazon Prime Video”. Con qualche timore, perché si sa che i ricordi giocano brutti scherzi, schiaccio play. E posso dire che nonostante il tempo trascorso, i gusti cambiati e i capelli in meno, “Matinee” ...

Read More

The Black Room

The Black Room

Where the evil is seductive

Ci sono registi così trash, che per un sito come il nostro diventano dei beniamini. E non si può far meno che gioire per loro quando, ad esempio, una piattaforma come “Netflix” ospita uno dei loro film.
Il soggetto di cui parliamo è Rolfe Kanefsky, già visto qui per “The Erotic Misadventures of The Invisible Man”, “Sex Files: Alien Erotica”, “Jacqueline Hyde”, “Sex Files: Alien Erotica II” e “Adventures in to the Woods: a sexy musical”. Insomma, uno che seguiamo abbastanza bene.

Troviamo su “Netflix” questo regista americano, che ha fatto dei film erotici il suo credo, con “The Black Room” una comedy horror del 2017 scritta e diretta dallo stesso...

Read More

Romolo + Giuly: La guerra mondiale italiana

Romolo + Giuly:

La guerra mondiale

italiana


Ho visto morire amichi mia ner gelo di Vigna Clara, ho attraversato da solo il vallo di monte Milvio, nell’ora dell’apertivo, ho rapito quattro vergini dei Parioli e tu sai quanto è difficile trovare una vergine ai Parioli

In questo caso più che chiamarlo gioiellino sarebbe giusto descriverlo con il nome di uno dei piatti della tradizione romana. Oppure Pupone.

Ecco sì, “Romolo + Giuly” è il Pupone delle serie TV. Quei talenti sempre più rari che si vedono di tanto in tanto e che spuntano dal nulla e che per quanto uno possa essere di un’altra “squadra” (cioè non capire il contesto) ne riconosce le qualità e lo apprezza con affetto.
Va detto che non essendo di Roma non è stato subito facile seguire i riferimenti di “Ro...

Read More

Vita Smeralda

Vita Smeralda


-Allora Signor Jerry come andiamo con l’happy hour? Di categoria?
-Affermativo!
-See you later!


Ne abbiamo dette tante nei confronti di Zio Jerry Calà ma questa volta dobbiamo dargli merito di alcune cose. Giusto due eh! La prima è che incentra la storia di questo film su tre ragazze e non sui soliti vitelloni in vacanza. Tre ragazze, con la voglia di divertirsi e di fare sesso. Esattamente come i maschi, esattamente come avrebbe fatto Jerry Calà che invece di essere protagonista si mette di lato, in un filone secondario della storia.
Poi il buon Jerry, il Re, dei film vacanzieri, descrive esattamente il periodo...

Read More

Panarea

Panarea


 Cos’è cos’è che brucia piano piano, che brucia piano piano, che brucia piano piano? Il gazebo di papà, il gazebo di papà, il gazebo di papà, il gazebo di papà!

Chissà la reazione di chi, cercando informazioni su Panarea, s’imbatte nei film girati/ambientati sull’isola e legge: “L’Avventura” di Antonioni, “Caro Diario” di Moretti e soprattutto “Panarea” di Pipolo. Tre film che sono entrati, per diverse ragioni, nella storia del cinema. Se per i primi due, rimandiamo a siti istituzionali e importanti paroloni, per il terzo invece apriamo un (im)meritatissimo elogio.

Innanzitutto questo è l’ultimo film di Pipolo per il cinema e di certo il buon Giuseppe Moccia, mostra di aver perso tutta l’ispirazione che l’ha portato a creare tante commedie, alcune ...

Read More