Exploitation tagged posts

Bobbie Jo and the Outlaw

Bobbie Jo

and the Outlaw


Bobbie Jo was a car hop, she wanted to be a country singer. He was a hustler who dreamed he was Billy The Kid. For a while they had something… and then…

Ci dispiace scrivere quello che scrivono tutti, ma in effetti, questo film passa alla storia unicamente per essere l’unico film in cui si vede Lynda Carter senza vestiti. Fugacemente, bisogna sottolineare, ma è l’unica testimonianza del genere. Ma sì, certo, cari fan, è anche il suo film d’esordio che apre a una lunga e iconica carriera.

Nel caso in cui non sappiate chi sia Lynda Carter, vi siete persi un’icona sexy e soprattutto un telefilm arrivato in Italia negli anni ottanta e che in tempi in cui non esistevano i siti porno, stuzzicava le fantasie...

Read More

La lupa mannara

La Lupa Mannara


Ho voluto se non altro così da lontano, parlarti per chiedere perdono a te e a Irene. Era il mio male papà, tu lo sai che mi ha fatto fare tante cose terribili. Ma ora c’è qualcosa di nuovo, qualcosa che mi ha fatto guarire.

C’è un qualcosa di magnetico che non sappiamo ben spiegare. E dire che si toccano punti poco credibili, ci sono momenti ironici che non si capisce se siano voluti o no e che la vicenda in se scivola tra l’horror, la sexploitation e il rape revenge.
Forse ciò che attrae in questo film del 1976 è proprio questa commistione di cose, le sfumature trash e soprattutto un personaggio centrale molto più complesso di quanto il titolo possa fare intuire.
Alla regia Rino Di Silvestro famoso per diversi e pungenti exploitation tra i quali (pochi a d...

Read More

Fair Game

Fair Game


They hunted her…terrorised her…and now they pay the price

Il fascino dell’Australia colpisce anche questa volta. “Fair Game” voleva essere un “b movie” violento dallo stile fumettistico, nient’altro. Diventa invece un piccolo cult movie così dirompente da “intimorire” anche il regista che da qui in poi si occupa di altri soggetti. Mario Andreacchio è oggi un apprezzato regista australiano, famoso soprattutto per film per ragazzi, che in carriera si è tolto il lusso di sperimentare diversi generi, tra i quali figura questo ozploitation senza molte pretese.

Una storia che prende vaga ispirazione da “Mad Max” e che ha, nonostante le critiche per misoginia, una donna protagonista e vincente.
Il successo di questo film si deve probabilmente all’ambientazione...

Read More

Blade Violent – i violenti

Blade Violent –

i violenti


-E infine il pezzo forte della nostra collezione Howard Joshua Brockester, soprannominato Crazy Boy. Nemico pubblico numero uno. Violentatore, baro, rapinatore e assassino
-Si fa quel che si può…

Fino in fondo, fino all’ultimo. Ed ecco un altro episodio, fuori tempo massimo, con la nostra Emanuelle. Claudio Fragasso e Bruno Mattei, che non hanno certo bisogno di presentazioni, realizzano questa pellicola contemporaneamente a “Violenza in un carcere femminile”, con la quale, per ovvie ragioni, condivide cast e location.

Qui però si cerca di fare le cose diversamente mischiando il “women in prison” e il genere “crime”. Il risultato è migliore del gemello, anche se la realizzazione lascia nuovamente molto a desiderare...

Read More

Girls for Rent

Girls for Rent


Delightful,Dirty & Deadly

Il titolo originale “Girls for Rent” e quello del DVD della Troma “I Spit On Your Corpse!” spiegano benissimo la follia che c’è dietro a questo film del 1974. Ma non se non vi bastasse, sappiate che dietro a tutto ciò troviamo il grande Al Adamson garante come sempre di storie di un certo tipo.

Adamson con il fido John D’Amato, con il quale scrive anche “Black Heat”, “Blazing Stewardesses” e “Dynamite Brothers”, mette a segno una sceneggiatura che è un gioiellino da Grindhouse e che tocca diversi sotto generi dell’exploitation. Una storia piena di eventi e di moltissime tette ma anche di una certa cattiveria liberatoria che porta a un doppio finale con sorpresa. Detta così forse

“Girls for Rent” passa per un b...

Read More

The Beast That Killed Women

The Beast That

Killed Women

Terror stalks the nudists!

Uno scimmione, che poi è un tizio vestito con un pessimo costume di scena, terrorizza un resort di nudisti. E basta questo per farci un film di un’ora, che come tutti i “nudist movie” aggira la questione tette e culi “documentando” le abitudini naturiste.
Abitudini che questa volta incontrano, si fa per dire, l’horror grazie a Barry e Clelle Mahon, coniugi che hanno creato per tutti gli anni sessanta una lunga serie di film low-budget.

Ma non solo, perché la carriera e la vita di Barry sono state molto avventurose e ricche di successi. Pilota di caccia nella Seconda Guerra Mondiale si distingue per la capacità di abbattere i nemici, prima di essere catturato e imprigionato.
Detenuto presso lo “Stalag Luft III”,...

Read More

Dear God No!

Dear God No!


So…have you ever run across anything unusual in the woods?

L’operazione nostalgia di James Bickert raggiunge punte di ortodossia notevoli. “Dear God No!” è un perfetto film da Grindhouse, che cerca più che omaggiare il tempo che fu, di essere uno degli episodi di quel cinema. E ci riesce bene, mettendo dentro un po’ di tutto, dalla bikexploitation allo splatter, passando per l’horror, la sexploitation, i nazisti e non dimenticandosi le tette. Naturalmente.

Quindi “Dear God No!” del 2011 è proprio un pessimo film, con una produzione low budget e una trama piena di troppe cose. Quindi “Dear God No!” del 2011 è proprio un ottimo b movie, che a parte i graffi alla pellicola in digitale, sembra uscito dagli anni settanta...

Read More

Vanishing Point

Vanishing Point

This radio station was named Kowalski, in honour of the last American hero to whom speed means freedom of the soul. The question is not when’s he gonna stop, but who is gonna stop him.

L’ultimo simbolo di libertà è una Dodge Challenger Bianca del 1970, guidata da un certo Kowalski, che con l’auto forma un solo essere vivente al centro di un cult movie incredibile. La Dodge Challenger è Kowalski, Kowalski è la Dodge Challenger.

A pensarci bene “Vanishing Point” è un film semplicissimo, banale, si può dire. Racconta di uno che viaggia in auto da un punto A verso un punto B, incontrando sulla sua strada un vasto campionario umano e rimuginando sul suo passato. Tutto lì...

Read More

I Married Hitler

I Married Hitler

-I love you
– Me too you are mein kampf! Achtung! Achtung!
– Uh?
– Nothing my love, nothing!

Una sera in un pub notate una ragazza bellissima. Vi avvicinate unicamente per la sua bellezza, con il solo obiettivo di portarla a letto, ma durante i classici discorsi cambia il vostro obiettivo perché con lei, avete già capito, vorreste passare il resto della vita.
Così da una semplice avventura vi ritrovate con una moglie. E che moglie!  Bella, anzi bellissima, con un fisico eccezionale, intelligente, fedelissima e soprattutto non rompiscatole. Di sicuro è la persona che tutti vorremmo avere al nostro fianco.
Purtroppo anche lei ha un segreto. Beh non pensate male, non pensate alla classica sorpresa, perché Eva non è così.
Eva è innanzitutto la protagonista di ques...

Read More

I Ragazzi Della Roma Violenta

I Ragazzi Della

Roma Violenta

 


-Ma a me sembra che voi e i fascisti eravate come compari, amichi insomma…
-Pensi che Hitler se avesse vinto li avrebbe tenuti insieme?
-Boh…ma a me guarda, parla, parla m’è venuta ‘na fame! Qui c’è vole er pagnottame!
-Questa si che è una buona idea

Improbabile monito alle famiglie sulle deviazioni dei giovani di allora, del quale dobbiamo segnalare subito due cose: la prima è che evidentemente l’avvertimento non ha funzionato per le generazioni future e la seconda che non ha funzionato nemmeno all’epoca a livello cinematografico. Prendendo anche per buona (mah…) la volontà moralizzatrice della pellicola, il regista Renato Savino ci butta in pasto una serie di scene voyeuristiche di violenza e sesso.
Uno che preferisce fare sesso co...

Read More