Lina Romay tagged posts

Les nuits brûlantes de Linda

Les nuits brûlantes

de Linda


Altra incursione nella follia e nelle famiglie disgregate del nostro Jesús Franco che questa volta ambienta la storia in Grecia, tra sole e musica ellenica. Girato in realtà ad Alicante “Les nuits brûlantes de Linda” è un esercizio di stile, che punta più all’estetica delle immagini che a raccontarci una storia. Un cast striminzito e affidabile, pochi esterni ma molto colorati e interni scuri e sinistri. Il tutto però funziona solo a tratti e forse è colpa della ripetitività del tema o forse perché non tutte le ciambelle riescono col buco nemmeno ai migliori.

“Les nuits brûlantes de Linda” con la sua buona versione porno non ci dà il pathos di un film come “Eugenie” o il senso di fastidio di “La nuit des etoiles filantes” o la p...

Read More

La tumba de los muertos vivientes

La tumba de los

muertos vivientes


-The oasis is damned. Since the battle nobody wants to camp at that oasis
-Are they afraid of a lot of dead people?
-No. According to the nomads, the bodies were buried by the sand, but the spirits of “The Death Squadron” are still there. Making Evil

Questa è un’idea maledetta che sembra generare solo pessimi film. Ma possiamo vederla anche come una vendetta del Karma nei confronti di Jess Franco. Il regista spagnolo riprende l’idea di base del pessimo “Le lac des morts vivants”, del quale scrisse la sceneggiatura per poi abbandonare il progetto lasciandolo a Jean Rollin, che per anni si vergognò del risultato. E a ragione.

Al disastro di questa pellicola si aggiunge una serie di versioni criminali, differenti e fantasiose ma fondamental...

Read More

La mansion de los muertos vivientes

La mansion de los

muertos vivientes

-You know what we should do if they don’t show up?
-Of course sleep
-That’s impossible for me. I can’t sleep if I don’t make love.

Jesús Franco ci parla di zombie e ci fa vivere diverse emozioni. Per buona parte del film, sembra di essere davanti a una commedia da spiaggia, con tantissimi nudi e diverse scene lesbo soft-core. Poi, sembra un film horror che non ha grandi risorse. E infine sembra di essere alle prese con un regista, il grande Franco, un po’ appassito...

Read More

Cecilia

Cecilia

I was yours, body and soul for two years, yours alone. I’d never been faithful to anybody before you. The first few months were marvelous, deliciously exhausting! We made love for nights on end. Then gradually…it’s true our passion died down

Pruriginose avventure di una coppia borghese in ovvia crisi per il bene della drammaturgia e del cinema erotico.
Cecilia (Muriel Montossè) ama provocare il suo autista fino a quando quello non la cede a un gruppo di bruti che la violenta. Per qualche turba mentale lei prova piacere, confessa tutto al marito e da qui nascono le piccanti e morbose avventure della coppia.
Idea facile, già vista e che naturalmente rivedremo è una di quelle miniere d’oro che non possono assolutamente fallire.

Invece Olivier Mathot che abbiamo visto co...

Read More

Downtown-die nackten puppen der unterwelt

Downtown-

die nackten puppen

der unterwelt

-Are you worried? Help me undress.
-I love doing that. You know that opening zips is my favourite occupation.

Intoccabili, belle, disinibite e fatali. Cynthia e Lola. Le protagoniste di un film strano, un film che mischia molti generi, mettendoci parecchio erotismo, molta ironia, una spruzzata di poliziesco e di giallo. Piacevole, non c’è che dire, ma si poteva sfruttare meglio le potenzialità della trama.

Perché alla fine a “Downtown” manca quel guizzo finale, quel colpo di reni, per dirla in gergsportivo, che poteva farne più che un film piacevole.
Downtown-die nackten puppen der unterwelt Franco invece preferisce concentrarsi maggiormente sui dettagli intimi delle due protagoniste e coinvolgerle in tante scene soft-core, relegando l’interessante storia a un ruolo min...

Read More

Célestine… bonne à tout faire

Jess Franco, Lina Romay

Célestine…Bonne

a Tout Faire 



 -Why so brutal? You could just have asked. I wouldn’t have said no
-You hadn’t got angry?
-Angry? Why?
-Well, you’re my girl!
-You aren’t better. Now give me my money like everyone else

Non bisogna farsi ingannare dalle apparenze, dal contesto solare, dai momenti comici, dalle cose tipiche delle commedie di fraintendimenti. Non bisogna farsi ingannare nemmeno da Lina Romay, da Pamela Stanford e da un eccezionale Howard Vernon.  Perché oltre ai nudi, alle scene soft-core e a quelle comiche, c’è una spietata critica alla società borghese e al perbenismo.
Jess Franco a modo suo, (molto a modo suo) rielabora i concetti di “Le Journal d’une femme de chambre” un romanzo del 1900 di Octave Mirbeau, già finito su pellicola nel 1946 con Jea...

Read More

Apocalipsis Sexual

Apocalipsis Sexual 

Capita a volte di essere truffati. Pensi di vedere un film erotico, confortati dalla presenza di Lina Romay e Ajita Wilson e dalla regia di Carlos Aured, regista horror spagnolo.

“Non ti piacerebbe sostituirlo col tuo coltello di carne?”

Invece siamo finiti in un pornazzo. Di bassissima lega. Girato da Sergio Bergonzelli (qui l’abbiamo visto per “Tentazione”).
La cosa migliore resta il titolo, accattivante, furbo, che segue la moda dell’epoca, dell’esotico, del sesso e delle varie apocalissi. E poi è vero, c’è Lina Romay, che non si sa bene come sia finita in un lavoro del genere. 
Crimine e violenza sono le promesse, che si traducono però in una domanda: perché si dovrebbe creare una banda di rapitori composta di veri maniaci sessuali?
Perchè i protagonist...

Read More

Die Sklavinnen

Die Sklavinnen


The rise and fall of Madame Arminda. E se pensate a una storia drammatica o alla classica metafora sul successo, vi sbagliate di grosso. No, qui è tutto molto più semplice, perché si sa cosa capita quando Jesus Franco incontra Erwin C.Dietrich. Donne nude. Donne nude. Ancora donne nude. Soft-core.

I Used to rip off tourists during the day, whereas I welcomed the high-society in my Pandora at nights. Officially the Pagoda was a night club. But everyone on the island knew that there was far more action behind than just a night club

“Die Sklavinnen” è un altro di quei lavori che sbuca dalla mente dei due per puntare dritto al soft-core estremo...

Read More

Doriana Grey

Doriana Grey

Little Doriana when you’ll grown you ‘ll be like venus

Le sexy vampire crescono. Non assetate di sangue ma di calore umano. L’evoluzione di questo tipo di personaggio caro al mitico Jess Franco si chiama “Doriana Grey”, parente stretta della contessa Irina Von Karlstein di  “Female Vampire” e un po’ più  alla lontana della contessa Carody di “Vampyros Lesbos”.

La somma di questi due film ci porta a questa pellicola del 1976, che riprende le basi del secondo e un po’ il personaggio del primo del quale vendica il parziale flop. 
La protagonista è la sempre poco vestita Lina Romay che vaga con pochi vestiti addosso o che al massimo ha un sottile strato di tessuto. 
Conosciuto con due titoli “Doriana Grey” e “Die Marquise Von Sade”, dai chiari riman...
Read More

Lorna L’Exorciste

Lorna L’Exorciste

The meaning of my words will enter your dreams as you sleep

Il mito del Faust non è mai stato così sexy e sfidiamo il diavolo a trovare qualcosa di meglio. Difficile che possa farlo, perché è proprio lui che è dietro alla macchina da presa, con il nome del nostro amatissimo Jesus Franco, qui regista di una pellicola del 1974, che a dire il vero per noi delude un po’.

Un film che ha degli strepitosi spunti, ma che ha anche diverse situazioni di troppo che fanno scendere il nostro consenso. Già dal titolo ad esempio, (l’originale è “Les possédées du diable”, ma poco cambia), che nulla c’entra con la trama, ma che sfrutta commercialmente la scia di “The Exorcist” di Friedkin.
Poi, Franco butta apertamente nella storia, in senso letterale e fisico, tutt...

Read More