Michele Massimo Tarantini tagged posts

Nudo e Selvaggio

Nudo e Selvaggio

Vedrete quello che non pensavate potesse esistere

La pietra tombale sui “Cannibal Movies”, la mette il caro Michele Massimo Tarantini, che dal Brasile, tra un film d’exploitation e l’altro, crea nel 1985 questo “Nudo e Selvaggio”. Un film che è un po’ cannibal e  un po’ commedia. Un film che prende un po’ da Indiana Jones e un po’ da Bud Spencer & Terence Hill. Un film che mette tette e nudi alla rinfusa, gettandoli addosso allo spettatore. E infine è un film che si apre sulle musiche del capolavoro “L’Allenatore Nel Pallone” e che utilizza anche quelle di “Blastfighter”. Sì, Tarantini, il caro Michele Massimo, uccide i cannibali.
A parte iniziare sulle celebri note del film di Martino, “Nudo e Selvaggio” prosegue con una rigida di sequenza di una sc...

Read More

Femmine In Fuga

Femmine In Fuga



Voi non lo crederete ma questa storia è veramente accaduta

Questa è una vicenda di fuggitivi. Michele Massimo Tarantini, che ci accompagnato in tante perle della “commedia erotica all’italiana” si trasferisce nel 1982, mese più, mese meno, in Brasile. Poeticamente vogliamo immaginarlo che fugge dalle macerie fumanti del genere nel quale si trovava più a suo agio, ma non sappiamo se sia andata così, se sia stata quella la ragione, ma è bello pensarlo.
Il tema della fuga torna ad avere a che fare con lui nel 1985, quando si piazza dietro la macchina da presa per un film di fuggiasche. Un film bollato come violentissimo, sanguinolento, questione di punti di vista che però portano a una certezza: questo è un vero filmaccio!

Nel suo trash totale comunque “F...

Read More

La poliziotta a New York

La poliziotta a New York



Non è dodiciomicidi! È ventiquattroscorregge lui!

Dopo aver rastrellato l’Italia, il super nucleo di poliziotti di Michele Massimo Tarantini parte per l’ultima missione, cercando di chiudere col botto esportando l’intelligenza italiana, nientemeno che a New York.
Purtroppo la missione avviene nel 1981, con la “commedia sexy all’italiana” che ha già sparato le migliori idee, con la divina Edwige diventata avida a mostrarsi.
La trilogia della sexy poliziotta (alla quale aggiungiamo lo spin-off “Taxi Girl”) non ci lascia quindi con un bel ricordo, ma chiude con un film che ha poche idee e pochi momenti divertenti.

Il canovaccio è sempre quello e gli attori restano legati ai loro ruoli con ortodossa attitudine. Così troviamo Aldo Maccione, n...

Read More

Taxi Girl

Taxi Girl
-Tu devi essere mia! El sangue mi va in bolor! La testa me scoppia!
-E fatte vedè da un dottore, che te dà na cura no?
È facile iniziare a parlare di questo film dicendo subito che Tarantini, spara le tette della Fenech già nei titoli di testa. Un bell’inizio non c’è che dire e che può far pensare a un degno filmaccio della “commedia-sexy all’italiana”.
Invece noi vogliamo andare oltre, vogliamo trovare il lato intellettuale di un film, nel quale il regista Tarantini, spara le tette della Fenech già nei titoli di testa.
Vogliamo elevarci anche a critici seri e vi diciamo che “Taxi Girl” è uno “spin-off” de la “Poliziotta Fa Carriera”. Molto professionalmente, vi ricordiamo anche che “La Poliziotta Fa Carriera” s’ispira a “La Poliziotta”...
Read More

La poliziotta della squadra del buon costume

La poliziotta

della squadra

del buon costume

E come tutte le feste italiene tutto finisce a puttene

Sono tre anni che Gianna Amicucci è entrata nell’arma. E il tempo sembra non aver mutato nulla. La sua bellezza, le sue buone intenzioni e soprattutto il trash totale della saga. Non poteva essere diverso, d’altronde, il sequel de “La Poliziotta Fa Carriera” di Michele Massimo Tarantini.
Anzi, si può proprio dire che questo capitolo accentui maggiormente il lato sexy della saga, con lunghe, a volte forzate, riprese della proverbiale doccia.
Al tipico voyeurismo va aggiunta la presenza di Lino Banfi, che sostituisce Mario Carotenuto, generando così gag veloci e anche, non ce ne voglia, una maggiore dose di volgarità.

Si forma a conti fatti un trio, Banfi-Vitali-Fenech, di sf...

Read More

La Poliziotta fa carriera

La Poliziotta

fa carriera



-Targata P56880?
-Sì signore! Come da verbale!”
-Come da verbale? E l’hai pure tamponata?
“Una bella botta!
-Ho capito! Molti danni?
-La mia? Neanche uno sgraffio!
-No dico la MIA!
La flessibilità lavorativa tanto sbandierata da politici e industriali è una cosa che fa un baffo alla divina Edwige Fenech. Ancor prima dei nostri “tempi moderni” lei si è adattata, come noto, a una miriadi di mestieri. Risparmiamo la lista ma tra questi, secondo voi, poteva forse mancare la poliziotta? 
Certo che no.  E a sottolineare questo ruolo ci pensa la trilogia poliziesca firmata da Michele Massimo Tarantini. Una serie che inizia nel 1975 col film in oggetto, per poi proseguire con “La Poliziotta Della Squadra Del Buon Costume” del 1979 e concludersi con “La Polizio...
Read More

La Liceale

La Liceale

Ma boia vacca, sei nuda come un verme, sprizzi sesso da tutti i pori e cosa vuoi che faccia le parole crociate?
Tutti quanti abbiamo sognato una compagna di classe, appena giunta da un’altra città, intelligentissima, bellissima e poco vestita  con abiti svolazzanti. Tutti quanti abbiamo odiato i bellocci compagni di classe, i professori affascinanti. Tutti quanti abbiamo fatto comunella con bidelli scapestrati.
Ebbene tutti questi nostri sogni, queste certezze adolescenziali nascono da questa pellicola del 1975. Un film che già nei primi cinque minuti mostra la protagonista in tutte le sue grazie e che dopo di certo non delude lo spettatore. Mai.
La storia del cinema è qui, almeno quella delle commedie erotiche, perchè questa è la madre di tutte le  “liceali e professo...
Read More