Polizieschi tagged posts

L’Exécutrice

L’Exécutrice

 



Tu ne vas pas a changer sheriff

Ci sono cose che in questo film possono far pensare a tutt’altro. Tipo il nome di Brigitte Lahaie o le immagini sadomaso che aprono la pellicola e il curriculum del regista Michel Caputo, a noi sconosciuto, ma che ha realizzato un film come “Chaude et humide Natacha”. Si può pensare dunque, che questo sia un film con un bel po’ di carne al vento. Invece no. Se per il regista scuserete la nostra più colossale ignoranza in merito alla sua carriera, per Brigitte Lahaie, dovevamo sapere che a partire dalla fine degli anni settanta ha iniziato, (con “Les Raisins De La Mort” del 1978 per la cronaca), una carriera fuori dal mondo del porno che l’aveva resa famosa.

Quindi questo film del 1986 delude certe calde aspettative e ...
Read More

La città sconvolta: caccia spietata ai rapitori

La città sconvolta:

caccia spietata

ai rapitori



-Ma allora mi spieghi dei soldi che se ne fanno? Se lei dice che sono segnati e si rintracciano, il più delle volte si ritrovano!”
-E si perchè chi esegue il rapimento sono dei bassi manovali! Hai capì? Chi l’organizza invece è gente che sta su, ben organizzata che arriva dove vuole arrivare. Quelli i miliardi di Filippini, dalla Svizzera ritornano in Italia belli puliti, puliti, come l’abito di una sposa. E magari nella stessa impresa di Filippini! Senza che lui lo sappia!

Come dice un’espressione latina, “mors tua vita mea”, cioè la tua morte è la mia vittoria. Suona pesante e pure un po’ cinico, ma va bene se mettiamo a confronto la vita e il cinema...

Read More

Confessione di un Commissario al Procuratore Della Repubblica

Confessione di

un Commissario

al Procuratore

Della Repubblica


Onorevole dei miei corpelli chi te li ha dati i voti? Il capo regime mio, paese per paese te ne ha racimolati duecentomila, io te li ho dati ieri, io te li tolgo domani, ma ti credi d’essere? Lui va a Montecitorio! Fa i discorsi le interviste alla TV, ma chi! Tu righi dritto e parli con me!

Se guardate questo film e poi leggete un quotidiano, vi verrà il dubbio che si tratti di un’opera contemporanea. Questo accade con tantissimi film polizieschi, poliziotteschi e noir degli anni settanta, l’abbiamo già detto diverse volte, ma ogni volta ci tocca sottolineare la straordinaria visione dei registi dell’epoca.

Così è anche per questo film del 1971 di Damiano Damiani, che punta alla collusione tra mafia, potere e...

Read More

Da Corleone a Brooklyn

Da Corleone

a Brooklyn

Ma sei sicuro che ci arriveremo in Italia?

Lo scontro fra titani è già affascinante di suo: Maurizio Merli vs Mario Merola. E il regista, Umberto Lenzi, aggiunge ancora valore al tutto.

“Da Corleone a Brooklyn” è già sulla carta un piatto assai gustoso. Poco ci importa che lo scontro fra i due in realtà avvenga a distanza e che Merli incontri Merola solo nelle ultime scene. Poco ci importa, perchè questa pellicola si divincola dai classici canoni del genere. Benché ci sia l’icona Merli e benché venga etichettato come un “poliziottesco” a nostro personale avviso ci sono una serie di cose che lo tolgono da questo genere. 

“Da Corleone a Brooklyn” è un road movie che accusa (implicitamente) la mafia rappresentata dal capo clan, ovviamente d...

Read More

La mala ordina

La mala ordina

Voi dovete ucciderlo in malo modo, platealmente. In maniera che tutta Milano ne parli. L’Italia intera ne parli.

Promosso capitano dopo l’orgogliosa performance da “vice” di Gastone Moschin/Ugo Piazza in “Milano Calibro 9”, Mario Adorf porta sole e colori in quella che era stata descritta come una città livida e grigia.

Secondo episodio della “Trilogia del milieu” di Fernando Di Leo, “La mala ordina”, che doveva intitolarsi “Ordini dall’altro mondo”, del 1972 è un’altra storia di malaffare meneghino in cui tutti sono dannati e intrappolati in una vita ormai irrecuperabile. E peggiora sempre più.
Sebbene meno interessante e strutturato del capolavoro assoluto “Milano Calibro 9”, questo resta comunque un ottimo noir italico, degnissimo, denso, v...

Read More

Killer Condom

Killer Condom

 What can a man do in New York if he’s lonely and hasn’t a dick?

Italiani, pizza, maccheroni, mandolino, mamma e “na minchia tanta” (citando Frank Zappa). E a parte questa ironia scontata, “Kondom Des Grauens” mondialmente conosciuto come “Killer Condom” è un piccolo gioiellino trash, politicamente scorretto e ottimamente realizzato.
Parodia del poliziesco, dell’horror e materializzazione del peggior incubo maschile, in un film tedesco del 1996 per la regia di Martin Walz e la sceneggiatura di Ralph König, già autore dell’omonimo fumetto. I due sono coadiuvati da Jorg Buttgereit (proprio quello di Nekromantik 1 e 2) che agli effetti speciali compie un grandissimo lavoro realizzando l’aspetto migliore di tutta la pellicola. Il caro Erwin C.Dietrich è il produttore esecut...

Read More

Milano odia: la polizia non può sparare

Milano odia: la polizia

non può sparare



milanoodia1

Qui sta il genio di Giulio Sacchi. Chi è quel rapitore che si fa consegnare i soldi a casa? Solo io, perché sono un signore!

Un po’ come il protagonista bollato ingiustamente come “cacasotto”, anche il film stesso è finito sotto un’etichetta un po’ errata: “poliziottesco”.
Definizione in parte vera, d’accordo, ma i connotati spingono oltre questa pellicola fino a farla arrivare in territori noir.
Ultra violenza in stile “Arancia Meccanica”, critica alla giustizia inerme e inutile  che spinge le persone ad arrangiarsi da sole. Nichilismo. Giustizialismo. Simpatie per il cattivo di turno, populista e anti-borghese.

“Milano Odia: La Polizia non può sparare” del 1974 per la regia di Umberto Lenzi ha Milano odia: la polizia non può spararequesti e molti alt...

Read More

Alex l’ariete

Alex l’ariete

A differenza di molti interpreti affermati, Tomba ha subito compreso l’importanza che la tecnica riveste nel cinema, il fatto che a comandare su tutti e’ sempre la cinepresa e che non serve recitare al meglio se l’inquadratura non e’ quella giusta.
(Damiano Damiani a “La Stampa” – Ottobre 1998)”

Il post carriera di uno sportivo, segue uno schema prestabilito: il commentatore “tecnico”, l’allenatore, godersi i soldi e fare l’attore. Per l’ultima opzione, in molti ci hanno provato e qualcuno ha ottenuto grande successo.

Tra quelli che non possono vantare un grande successo come attore, troviamo lo sportivo mondano italiano per eccellenza che ha imperversato da fine anni ottanta a fine anni novanta: Alberto Tomba. Icona dello sci moderno...

Read More

Sgt. Kabukiman N.Y.P.D.

Sgt. Kabukiman

N.Y.P.D.


I was depressed, I was confused and I was turning Japanese
Tra i tanti improbabili eroi dei “B’s”, dobbiamo ammettere che un posto assolutamente d’onore, lo ha il Sergente Kabukiman del New York Police Department. Un idolo.
Protagonista dell’omonimo film Sgt Kabukiman N.Y.P.D.”, della leggendaria Troma, è il fulcro di un’irresistibile satira dissacrante nei confronti dei polizieschi, dei film d’azione, delle tradizioni giapponesi e in piccola parte dell’horror. Rispetto al suo amico fraterno Toxic Avenger, Kabukiman, ha una comicità più accessibile, meno buffonesca, più clownesca. Il risultato è quindi un film che può raggiungere un pubblico più vasto, un film che evita i deliri del mitico eroe bitorzoluto, che naturalmente, adoriamo alla follia.
Read More