Slasher tagged posts

Murderock – Uccide A Passo Di Danza

 Murderock-Uccide

A Passo Di Danza



È un nuovo tipo di thrilling, cioè un thrilling musicale, in cui la musica ha un’importanza eccezionale, noi viviamo avvolti nella musica, tutti quanti sentiamo musica, vediamo musica e ascoltiamo musica tutti i momenti e qua la chiave, per la prima volta nella storia del cinema, speriamo è una chiave musicale, fa parte di una mia trilogia che si chiama “Murder Rock”, “Killer Samba” e “Thrilling Blues”, pensa, che faccio le trilogie pure io…Lucio Fulci intervistato in una trasmissione televisiva:  http://www.youtube.com/watch?v=EtSDNqiX6PI

Prendendo da “Fame” e da “Flashdance”, Lucio Fulci, costruisce uno slasher anni ottanta che vorremmo diventasse realtà in quel di “Amici”...

Read More

My Bloody Valentine

My Bloody

Valentine



Cross your heart…and hope to die.

Chiunque oserà festeggiare San Valentino, sarà ucciso. È la sintesi di quello che dice Harry Warden e già solo per questa frase, “My Bloody Valentine” merita rispetto e lo psicopatico Warden, al quale si può dire comunque di tutto, dimostra di essere intelligente. 

Il sangue schizza sulla festa di San Valentino, in uno slasher che col tempo è diventato un classico. È l’epoca d’oro dei serial killer spietati, nulla di nuovo quindi, nulla di strabiliante bisogna dire, ma uno sporco lavoro alla fine riuscito. Le caratteristiche di questa pellicola canadese girata dall’ungherese di nascita George Mihalka, sono una lunga e immancabile serie di stereotipi del genere, rappresentati in particolar modo dai personaggi: il b...

Read More

One-Eyed Monster

One-Eyed Monster

The characters and incidents portrayed and the names herein are fictitious, and any similarity to the name, character, or history of any person is entirely coincidental and unintentional, except for Ron Jeremy who really does have a 9 3/4 inch penis and who once fellated himself.
Ron Jeremy è morto. Ma una parte di lui resterà per sempre con noi. Esattamente 9.45 inches, cioè 24 cm. E la battuta è più che mai scontata: questo è un film del cazzo! 
Il titolo d’altronde già lo suggerisce, “one-eyed” che in slang vuol dire quello, ci apre l’orizzonte a un largo numero di film precedenti e anche successivi incentrati su cazzi e fighe mostruosi. 
Viene in mente che l’idea è poco originale e anche che la presenze di una star del porno come Ron Jeremy, s...
Read More

Wet Wilderness

Wet Wilderness

Questo film ha due cose eccezionali. Dura cinquantaquattro minuti e ha dei titoli di testa molto psichedelici, meglio dire che sembrano tali. Tutto il resto, tutto quello che fa parte di questo film, è probabilmente la peggior cosa che vi capiterà mai di vedere.

Siamo di fronte a uno slasher sconclusionato pieno di errori e senza senso. Va bene, agli anni settanta abbiamo concesso e concediamo tutto, ma qui si supera il limite.
C’è un tizio armato di machete con un passamontagna in testa, che vaga in un bosco incontrando quattro persone in gita. Due sono lesbiche e due c’è parso di capire (scusate la poca precisione, ma l’audio è pessimo), sono madre e figlio. Tra l’altro della stessa età...
Read More

Come Deadly

Come Deadly




Inauguriamo con questa pellicola, una breve, brevissima, parentesi di due film che possono essere considerati i peggiori “slasher” di tutti i tempi. E sfidiamo chiunque a dire il contrario. 
Nulla di strano direte voi, tante schifezze riempiono questo blog (e ne siamo fieri), ma la cosa strana di questo binomio è che c’è stato qualcuno in tempi moderni che ha pensato e voluto rieditare e mettere in DVD questo film del 1974 e “Wet Wilderness” del 1976, che vedremo in seguito. 

I colpevoli di tutto ciò sono quelli della “Alternative Cinema” casa piuttosto nota per essere la produttrice e la distributrice di varie pellicole “border-line” tra le quali la serie “Misty Mundae”.
Per quale ragione abbiano deciso di dare nuova vita a due film così non è chi...

Read More

Happy Birthday To Me

Happy Birthday To Me



Pray You’re Not Invited To The Party.

In epoca Facebook bisogna stare più attenti agli eventi ai quali ci invitano. Perché saltarne uno potrebbe creare un’ondata di fantasiosi omicidi. Era così in questo film del 1981, figuriamoci adesso. Non è che vi vogliamo svelare la trama di questa pellicola, ma con un titolo del genere sarete d’accordo che è facile capire quale sia il punto centrale.
“Happy Birthday To Me” divenuto col tempo un “Cult movie”, è un saliscendi di cose fatte bene e cose fatte male. Con le seconde, che però vincono per numero e s’accompagnano al fatto che già dal titolo, questo film non stupisca più di tanto.

Ingenuità clamorose, forse dovute anche all’eccessiva lunghezza della pellicola (150’), un minutaggio rischioso, ch...

Read More

The Texas Chainsaw Massacre

The Texas

Chainsaw Massacre



No, Sally, we can’t go! Look, what if they came back and we weren’t here?

A volte ti viene da dire “Ma perché non ci ho pensato prima io!”. E ti viene da dirlo quando ti trovi davanti a un’idea semplice che ha avuto come risultato un successo planetario. Noi però in questo caso siamo fuorigioco, perché nell’anno di questa idea nessuno di “B Movies Heroes” era nato. Quindi a mangiarsi le mani sono altri, tutti quelli che si sono trovati davanti a questo film che ha solo ingredienti semplici che non potevano che generare un simile “mostro”.

Si parte tanto per cambiare con Ed Gein, che offre qualche spunto per la storia. Poi troviamo un certo Tobe Hooper un professore di college e documentarista che vuole fare il regista ma che fino al 1974 ...

Read More

Pieces

Pieces



The most beautiful thing in the world is smoking pot and fucking on a waterbed

Psicopatici si nasce. Anche capricciosi, irascibili, un po’ maniaci, casinisti e mostri sanguinari poco seri. Si può fare e lo dimostra questo slasher del 1982. Un divertente “B Movie” che prende spunti da diversi suoi simili, elaborando malissimo una propria idea. A chi si vuole inoltrare in questa avventura, si prepari a una caterva di errori e di scene “non sense” alcune delle quali recepibili solo se dentro alla cultura americana.

La lista è tanto lunga quanto incredibile. A iniziare dal fatto che questo “Mil Gritos Tien La Noches” titolo originale di “Pieces” si apre nel 1947 mostrando un pennant dei “New England Patriots” (franchigia nata nel 1960 e che prima  del 1970 avev...

Read More