Splatter tagged posts

Piranha 3DD

Piranha 3DD


-Chet, tell me you did not fire our lifeguards and replace them with… strippers.
-Water-certified strippers

La doppia “d” del titolo non indica il sequel o qualche altra diavoleria del 3D. È una cosa più profonda, cioè la misura dei bikini e reggiseni delle protagoniste. Se aggiungiamo che c’è una mucca morta in un lago che scoreggia uova di piranha per poi esplodere che segna l’inizio di questo film, possiamo dire che il contesto è molto chiaro. Vero?

La genesi è molto semplice. John Gulager regista della trilogia di “Feast” riceve un giorno una telefonata in cui gli offrono la regia del sequel “Piranha 3D”. L’obiettivo è uno solo: fare un film divertente...

Read More

Piranha 3D

Piranha 3D


-Check it out, they’re fish with boobies.
-Derrick Jones: Oh, if fish looked like that, I would fuck fish. I would only fuck fish!

“Armi di masturbazione di massa” o dall’originale “weapons of mass…turbation” è la battuta che meglio identifica “Piranha 3D”, che appunto, altro non è, che masturbazione. E lo diciamo con valenza positiva, perché questo film è brutto, assurdo, esagerato e con effetti speciali a volte fatti male. Ma abbiamo la certezza che sia un obiettivo prefissato e ampiamente raggiunto.

A farci pensare tutto ciò, oltre alla storia paradossale, c’è la presenza di Alexandre Aja alla regia, c’è un cameo di Eli Roth (che finisce a pezzi) e quelli di Richard Dreyfuss e Christopher Lloyd...

Read More

Violent Shit: The Movie

Violent Shit:

The Movie


Let the slaughter begin

Si può dire che sia una questione di famiglie. Quella della storia che rimanda direttamente ai “Violent Shit” di Andreas Schnaas e quella del cinema di genere, qui ben rappresentata. Nuclei famigliari dunque nel secondo film di Luigi Pastore che sta a metà tra l’apocrifo e il remake della saga di Schnaas e che può vantare tanti riferimenti e omaggi.

Ci sono le musiche dei Goblin (già presenti in “Come una crisalide” il precedente film di Pastore) e ci sono Fabrizio Capucci, Antonio Tentori e Barbara Magnolfi, senza dimenticare i cammei di Enzo Castellari e Luigi Cozzi che interpretano due divertenti anziani ispettori che criticano duramente i giovani, in quello che sembra un divertente e tagliente doppio senso con il mondo ...

Read More

Der Todesengel

Der Todesengel


She thinks that she can make fun of me. Not with me. Filthy slut. Not with me.

L’angelo della morte, il “Todesengel” del titolo è bionda, ha le tette grosse e ci tiene spesso a farci notare che non porta intimo. Si potrebbero dire tante cose su queste scelte stilistiche, ma siamo nel mondo dell’exploitation, nel sottogenere della sexploitation con sfumature splatter, gore e rape revenge. Quindi non potrebbe essere diverso. Quindi Andreas Bethmann, scrittore, giornalista fanatico di Joe D’Amato e del cinema di genere azzecca ogni scelta.
Alla caratterizzazione del personaggio principale vanno aggiunti abbondanti scene di sesso, che toccano il porno, una realizzazione aberrante e una storia assurda. Brutto che di più non si può “Der Todesengel” ha tutto que...

Read More

Plaga Zombie: Zona Mutante:Revólution Tóxica

Plaga Zombie:

Zona Mutante:

Revólution Tóxica

Arriva un giorno che tutto diventa chiaro. Chiarissimo. Beh, non abbiamo vissuto dal 1997 al 2011 pensando ogni giorno alla causa scatenante di “Plaga Zombie”, ma dobbiamo anche ammettere che i due precedenti film ci avevano messo un po’ di curiosità.
E ora sappiamo tutto, grazie a quello che dovrebbe essere a quanto scrivono sul sito ufficiale, l’ultimo capitolo della saga.
Iniziamo col dire che il numero tre, soffre della totale mancanza dell’effetto sorpresa. Perché vale lo stesso discorso del capitolo del 2001: può essere considerato sia come sequel, che come remake...

Read More

Zombie Ass: The Toilet of the Dead

Zombie Ass:

The Toilet of the Dead


We Are Going to Flush You!

Cessi intasati, scorregge, diarrea, mostri che escono dal culo. Quello che si può definire un film di merda. Noburo Iguchi regista giapponese di culto, fornisce un brillante esempio di parodia splatter, ottimamente realizzata. In “Zonbi Asu”, tradotto in inglese con “Zombie Ass: Toilet of the dead” si toccano punte weird e bad taste non indifferenti. Momenti in cui lo schifo è talmente forte da inorridire anche il più scafato divoratore di film splatter e di b movie.
L’amalgama di tutta questa merda, porta però a un risultato finale convincente, perché questo è un film divertente, folle, che prende in giro il genere pur utilizzando tutti i canoni dello stesso, criticando anche la società giapponese.Zombie Ass: The Toilet of the Dead

Un’ottim...

Read More

Street Trash

Street Trash


If you’ve never seen a melt movie before…. be prepared

Questo è un titolo che in due parole riassume l’essenza dell’intero film. La strada al centro di tutto, con storie spietate di emarginati ed esplosioni di sangue e budella, colorate come un bel graffito.
La sceneggiatura di Roy Frumkes è a dire il vero estremamente semplice. Addirittura banale e troppo assurda anche per un film splatter. Ma lui e il regista James Micheal Muro, famoso direttore della fotografia e spesso braccio destro di James Cameron, sembrano non farci caso. Anzi, sembra che facciano forza proprio su questa storia strampalata, raggiungendo con grande soddisfazione l’apice dell’assurdo nei momenti più splatter...

Read More

Dear God No!

Dear God No!


So…have you ever run across anything unusual in the woods?

L’operazione nostalgia di James Bickert raggiunge punte di ortodossia notevoli. “Dear God No!” è un perfetto film da Grindhouse, che cerca più che omaggiare il tempo che fu, di essere uno degli episodi di quel cinema. E ci riesce bene, mettendo dentro un po’ di tutto, dalla bikexploitation allo splatter, passando per l’horror, la sexploitation, i nazisti e non dimenticandosi le tette. Naturalmente.

Quindi “Dear God No!” del 2011 è proprio un pessimo film, con una produzione low budget e una trama piena di troppe cose. Quindi “Dear God No!” del 2011 è proprio un ottimo b movie, che a parte i graffi alla pellicola in digitale, sembra uscito dagli anni settanta...

Read More

Plaga Zombie: Zombie Mutante

Plaga Zombie:

Zombie Mutante

Perdieron una batalla pero la guerra continua

Dal 1997 al 2001 passano quattro anni. Quattro anni di lavoro, che servono a Pablo Parés, Hernàn Sàez, per affinare tecniche e conoscenze e preparare la seconda invasione di zombie.
Se già “Plaga Zombie” era un bel capitolo, qui i due vanno oltre, realizzando uno straordinario “B movie” che diventa un altro cult per gli appassionati.
“Plaga Zombie: Zona Mutante” sembra una via di mezzo tra una sorta di revisione, più o meno in bella, del primo film e il sequel dello stesso.
Perché da un lato i personaggi principali, sempre Bill, John e Max, danno l’im
Plaga Zombie: Zombie Mutantepressione di sapere già cosa il futuro gli riservi, dall’altro lato però, la storia è identica al primo film, con l’aggiunta di un incipit...

Read More

The Green Inferno

The Green Inferno

-Riesci a mangiare quello schifo?
-Ma è soltanto maiale!
-Se vogliamo davvero scappare abbiamo bisogno di energia!
-Io sono vegana!

La maglietta con la scritta “Cannibal Holocaust” che Eli Roth sfoggiava sul set di “Hostel II” doveva farci immaginare che l’omaggio a Ruggero Deodato sarebbe andato oltre. Più in là delle dichiarazioni di stima e d’amore. Più resistente delle infondate polemiche tra i due. “The Green Inferno”.

Roth che cita Herzog come ispirazione prende il titolo dal secondo segmento del leggendario film del regista italiano che se vogliamo ne spiega anche il senso. “The Green Inferno” era il flash back dei quattro inviati in Amazzonia e quello di Roth è un flash back sul cinema cannibal italiano.
Un omaggio, un attestato di st...

Read More