Spiando Marina

Spiando Marina

Alla fine mi sono abituata a sopportare è brutto come ci si può abituare a tutto. E ti piace? Sì credo di sì
Con una tetta già mostra sulla locandina, sarete d’accordo con noi che non è affatto difficile spiare Marina. Lei d’altronde non fa nulla per nascondersi, lasciando aperte porte e finestre e facendo sesso ad alto volume.
Al regista l’idea non dispiace, anzi la sfrutta al cento per cento, quel  George Raminto pseudonimo del nostro beneamato Sergio Martino, che concentra tutto quanto sulle rotondità e la fama altamente erotica dell’epoca di Debora Caprioglio.
Così l’attrice veneta un anno dopo l’exploit di “Paprika” nei, pochi, panni di Marina se va in giro quasi sempre nuda, si diverte con un serpente e ha una caldissima storia di sesso con il vicino di casa che li porta ad accoppiarsi in ogni dove e in ogni momento, compreso un enorme camerino prova. La Caprioglio recita malissimo, ma la recitazione così come lo script, sono degli optional peraltro schiacciati dalla stessa attrice (fate voi con che cosa).
Spiando Marina
In questa opera più che commerciale del 1992, che trasuda ancora un po’ di anni ottanta, Sergio Martino crea un film che dopo il terzo nudo diventa di una noia mortale e che soprattutto ci fa rimpiangere i tempi in cui Martino creava degli ottimi thriller con buona trama e molto sex appeal. In “Spiando Marina” trionfa la morbosità e la lussuria che stravincono su una storia molto minimale.
Mark è un poliziotto che nella sua carriera si è fatto corrompere dalla mafia, per poi pentirsi e denunciare un’organizzazione. Vittima della vendetta della mafia, che gli stermina la famiglia (alla faccia della protezione testimoni), Mark si ricicla come killer e trova un ingaggio per uccidere un boss.
Ma durante la missione incontra Marina procace e disinibita vicina di casa con la quale instaura un’infuocata relazione. Ma Marina nasconde qualcosa.
Nulla di che insoSpiando Marinamma per un thriller erotico piuttosto noioso. Non all’altezza dei film di Martino. Niente da dire, ovvio, sulla bellezza della protagonista che ai tempi  eranell’immaginario erotico degli italiani ma a un passo dal totale cambio di direzione artistico che l’ha portata lontano dai film erotici e sui palchi teatrali.

Al suo fianco troviamo Shlomo Goldberg, meglio conosciuto come Steve Bond e più famoso per le sue tante apparizioni in “Soap Opera” americane che in film. Martino invece, ormai a corto di idee dopo una meravigliosa carriera prova ancora due anni dopo il “Thriller Erotico” con “Graffiante Desiderio”, altro clamoroso flop, che porta il nostro lontano dalla regia per il grande schermo fino al 2008 quando realizza “L’allenatore nel Pallone 2”.

english2

 

Spiando MarinaScheda Tecnica
Titolo Originale: Spiando Marina
Anno: 1992
Nazione: Italia
Titoli Alternativi: Foxy Lady (Indefinito), The Smile Of The Fox (USA)
Regia: Sergio Martino
Cast: Debora Caprioglio, Steve Bond, Sharon Twomey, Leonardo Treviglio, Pedro Loeb, Raffaella Offidani, Raffaele Mottola
Casa di Produzione: Dania Film

One comment to Spiando Marina

  • utente anonimo  says:

     è vero film indecente, ma che tette la Deb! Uno dei miei miti di sempre!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>