Lilian (la virgen pervertida)

Lilian

(la virgen pervertida)


Why can you sit back and let fear and corruption rule this country, why?

I film di Franco sono come una scatola di cioccolatini, direbbe qualcuno. Non sai mai che cosa stai guardando, se non leggi prima qualcosa, naturalmente.
E quindi trovarsi dopo pochi secondi con una coppia, intenta a fare un doppio rapporto orale e poi il dettaglio dello stesso, ci ha un po’ sorpresi. Pronti e via.
Beh in realtà questo film ha nel sesso esplicito il suo connotato più interessante perché è il primo film porno della storia del cinema spagnolo che arriva per mano del nostro Jess Franco che si firma Clifford Brown. Come da tradizione, molte scene porno sono state girate postume e con controfigure, ma alcune invece hanno come protagonista Lina Romay intenta a fare sesso orale con maschi e femmine.

Il titolo invece “Lilian (la virgen pervertida)” è un astuto esempio di richiamo commerciale, anche perché l’unica, non pervertita, è proprio la Lilian del titolo,Lilian (la virgen pervertida) interpretata da Katja Bienert attrice tedesca all’epoca giovanissima (e forse non ancora maggiorenne) che ci viene mostrata senza pudore. Lei che poi ha partecipato a qualche altro film di Franco, ha continuato una proficua carriera nel mondo del cinema e della televisione.
Ma qui, appunto, si trova a essere la vittima di un gruppo di cattivissimi personaggi. Jorge Miranda (il buon Emilio Linder) un rispettabilissimo e filantropico cittadino, con l’aiuto di Irina, la nostra bella ma un po’ fuori forma Lina Romay, gestisce un segretissimo bordello in cui rapisce, droga e obbliga le ragazze a prostituirsi. Un giorno Lilian, turista tedesca, viene adescata e poi sfruttata.

Lilian un giorno però riesce a fuggire, come vediamo nei minuti successivi alle prime scene di sesso e trova Mario Pereira (Antonio Mayans) che con il suo amico Bernardo (Jess Franco) la soccorre. I due cercano di capire cosa sia successo alla ragazza, la quale racconta pian piano tutta la sua storia.
Un flashback quasi continuo intervallato dai tentativi di Mario Pereira di indagare e scoperchiare questo losco traffico e soprattutto da innumerevoli scene di sesso esplicito, nucleo centrale di tutto il film sorrette da una trama molto leggera…
Dietro alla macchina da presa troviamo un Franco di certo lontano dalle migliori intuizioni, ma che nonostante tutto riesce in qualche punto a darci un qualcosa di interessante. Completa il cast di questo film scritto dallo stesso regista, Mari Carmen Nieto, già vista in “La mansión de los muertos vivientes”.

 

Scheda Tecnica
Titolo Originale: Lilian (la virgen pervertida)
Titoli alternativi: Lillian, the Perverted Virgin
Anno: 1984
Nazione: Spagna
Regia: Jess Franco
Cast: Lina Romay, Antonio Mayans, Emilio Linder, Mari Carmen Nieto, José Llamas
Durata: 72’
Casa di produzione: Golden Films Internacional S.A.

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>