Category Film

Beverly Hills Vamp


Beverly Hills Vamp

Is that a stake in your pocket, or are you happy to see me?

Non ho nulla contro i film di Fred Olen Ray in cui la maggior parte del tempo è tutto uno “Sciak! Sciak!” di corpi siliconati e palestrati che sbattono tra loro. Dico davvero.
Ma devo anche dire che preferisco di gran lunga un Fred Olen Ray come quello di questo film, in cui non rinuncia a nulla e ci mette dentro una trama divertente, comicità, un vago horror ed erotismo.


“Beverly Hills Vamp” è una piacevole e leggera commedia del 1989 con Eddie Deezen, caratterista esperto di ruoli da nerd (per quanto poi alcune vicende nella vita reale lo allontanino da questo ruolo) come protagonista. Ed è lui che deve combattere contro tre bellissime vampire, interpretate dalle note, per il genere, Debra Lam...
Read More

Una vita spericolata


Una vita spericolata

Non è una rapina! Non li voglio i soldi!


A Marco Ponti, gli si vuole bene. A prescindere. Per “Santa Maradona”, ok, ma anche perché quanti registi di Avigliana, piccolo posto in provincia di Torino, conoscete? Una rarità.
Tuttavia (quanto amo questa parola così forbita, che sembra annunciare sempre il peggio) anche alle persone a cui vuoi bene ogni tanto devi dire che hanno fatto qualche errore. E nel caso di Ponti è “Una vita spericolata” film del 2018.
Con in testa il Guy Ritchie di “Lock & Stock” e “The Snatch” Ponti allestisce una commedia “on the road” con tre, soliti, improbabili criminali.

A scatenare gli eventi ci pensa un, solito, fraintendimento...
Read More

Il Bosco 1

Il Bosco 1

Vedi, ci sono cose che appaiono… diverse da quello che sono.

Molti anni fa, un videoamatore mi raccontò che uno dei suoi filmati aveva vinto un concorso. Per qualche motivo tecnico, mentre trasferiva le riprese della telecamera su una VHS, aveva commesso un errore che aveva causato dei buchi neri nel film. Quegli stessi buchi neri furono interpretati dai giudici come un riflesso intimo del protagonista (non ricordo). E vinse.

Sono sicuro che lo stesso discorso si possa fare per il “Bosco 1” di Andrea Marfori...

Read More

Vampyres


Vampyres

Life is so short. Especially yours…


Anno 2015, Victor Matellano regista horror spagnolo, mette mano a Vampyres aiutato dallo stesso Ramon Larraz, cioè il regista dell’omonimo film del 1974.
Nuove prospettive, mezzi migliorati e l’aiuto di Larraz non bastano però a creare un remake convincente e soprattutto a farci capire cosa ci voglia dire il regista spagnolo.
Probabilmente vuole solo mostrarci quanto abbia apprezzato il Vampyres del 1974, visto che segue la storia originale, ma anche quanto ami il cinema di genere e quanto Jess Franco e Jean Rollin abbiano influenzato il suo lavoro.

E, in effetti, Matellano cerca di stupirci con l’eros, con la filosofia e con una dose abbondante e più esplicita di splatter. Ci mette dentro pure il buon Antonio Mayans e Caroline M...
Read More

Vampyres


Vampyres

Their lips are moist and very, very red!


Il titolo non sarà tra quelli più sorprendenti ma tutto il resto, tutto quello che poi si vede, rende questo film un piccolo e (im)perfetto horror low budget.
Due vampire lesbo si divertono spesso e volentieri, ma a dir la verità non sono proprio delle vampire ortodosse, perché al collo preferiscono le ferite e si buttano sulle vittime come animali feroci, diventando più che altro e per stessa ammissione del regista, della vampire-cannibali.
Dietro a questo gioiellino troviamo José Ramón Larraz, regista catalano, emigrato in Belgio, Francia e infine Inghilterra, dove ha lavorato maggiormente e ottenuto maggiori riscontri.
Qui lo troviamo con uno dei suoi film più criticati all’uscita divenuto però col tempo un cult per gli ap...
Read More

New Year’s Evil


New Year’s Evil

-Well listen Mr. Evil, do you have a vote for the top song of the year?
-No. Just a new year’s resolution.


Gli affascinanti psicopatici di una volta. Tutti minacce e coltelli. Quelle belle trame leggere e prevedibili. Quelle regie che non sanno che fare alla pari di attori imbarazzanti. Ma sì certo, non sono una novità su queste pagine, altrimenti questo sito non si chiamerebbe bmoviesheroes, ma ogni volta che becco un film così, è un’esplosione di piacere, è una gioia, è una festa.

“New Year Evil’s” è solo l’ultimo di questa lista. Un film che ha un’importante lista di recensioni che lo stroncano a partire da Roger Ebert, passando per Metacritic e chiudendo appunto con questa mia. Perché sì è veramente un film fatto malissimo. E brutto.
Ma gli va ...
Read More

Natale in casa Varriale


Natale in casa


Varriale

Il tragico, dissacrante e divertente Natale in casa Varriale

Sicuramente avete presente la nota pubblicità delle patatine, quella che dice “se non ti lecchi le dita, godi solo a metà”.
Beh ecco guardare un film di Mario Salieri in versione censurata (o commedia sexy come dicono) è la stessa cosa. Va anche detto che le sequenze hard non avrebbero aggiunto molto alla storia, ma sicuramente sarebbero stati momenti interessanti.
A parte questa mancanza “fondamentale”, non posso mettere in dubbio la volontà del regista che come dice la presentazione del film “Porta avanti una radicale reinterpretazione della “commedia sexy all’italiana”, nella rilettura di Mario Salieri le differenze con il passato sono numerose e ai tratti distintivi del genere, fondato ...
Read More

Black Phone


Black Phone

The creepiest damn thing…

Poche cose felici in un sobborgo di Denver. Giocare a baseball, guardare di nascosto “The Tingler” di William Castle alla TV. Ma per il resto una società dove la violenza regna indisturbata. A casa, a scuola e per strada. Bullismo, alcolismo. E un mostro detto “The Reaper” (il Rapace in italiano) che rapisce i ragazzini.

“Black Phone” tratto da un racconto di Joe Hill per la regia di Scott Derrickson si presenta senza alcun fronzolo, senza alcun colore. Con una storia, se vogliamo, semplice, decisa e claustrofobica che mischia il paranormale alla violenza fisica, allo slasher e lascia allo spettatore molta immaginazione...
Read More

Roller Blade


Roller Blade

Skate or die

Sì, davvero, mi pare che qui nessuno utilizzi dei Roller Blade, ma dei Roller Skate. Cioè non i pattini con le ruote in linea ma quelli con le ruote allineate a coppie.

Fosse questo il problema, cioè il titolo, tutto sommato saremmo a posto. In realtà il problema di questo film è il caos generale che regna sovrano che va oltre allo scult.
Alla regia un esperto di b movies Donald G. Jackson prolifico regista, morto di leucemia nel 2003, ma che per nostra fortuna ha fornito un innumerevole serie di film postumi.


In “Roller Blade” ci troviamo in un post-nuke dove fascismo-comunismo (boh…) cerca di governare il mondo. O almeno gli USA...
Read More

Species


Species

Men cannot resist her. Mankind may not survive her
Pensate ad Alien con le tette e avete Species. Non è un caso, perché è Hans Ruedi Giger quello che ha creato il mostro di Alien a mettere mano su Sil, la bellissima aliena protagonista di questo sci-fi/horror.
Lei è interpretata da Natasha Henstridge una modella canadese (bellissima, già detto no?) che esordisce nel mondo del cinema con questo film e che interpreta anche i due successivi sequel. Accanto a lei un super cast composto da Ben Kingsley, Michael Madsen, Alfred Molina, Forest Whitaker e Marg Helgenberger. Niente male no?
Dietro alla macchina da presa troviamo Roger Donaldson che dirige una storia scritta da Dennis Feldman. E produce la MGM.

Super cast, super produzione e super tutto portano lo spettatore a pensare...
Read More