2019-Dopo la Caduta di New York

2019-Dopo la Caduta

di New York



Ci ha mandati il presidente, dice che c’è una donna qui che ancora può fare figli. Noi dobbiamo trovarla e portargliela

La versione de “noialtri” di “1997: Fuga da New York” ma anche di “Mad Max” e un po’ pure de “Il Pianeta delle Scimmie” è un gioiello di rara ed incredibile bellezza.

Un “b movie” meraviglioso che addirittura, cita una fonte, una sola però, sarebbe stato scritto ancor prima del film di Carpenter ma realizzato due anni dopo. Lontano da noi la volontà di aprire la questione su presunti furti yankee ai danni di nostri sceneggiatori, ci concentriamo su questo post-nuke del 1983 diretto da Martin Dolman che altri non è che il nostro benamato Sergio Martino.

“2019: Dopo la caduta di New York” viaggia sicuro e spavaldo, oltre che sulle strutture già citate, su tutta un’ampia serie di cose artigianali che denotano la grande bravura di Martino nell’arte di sapersi arrangiare. Il nostro, crea infat249-2019dopolacadutadinewyork3ti un film che ha un senso e che incredibilmente funziona quasi sempre, nonostante incerti modellini di città, artigianali auto del futuro e l’ancor di più artigianale interno dell’astronave per non parlare dei discutibili raggi laser. Ma a farci chiudere i proverbiali occhi sulle “mancanze” scenografiche (e pure di “make up”) ci pensano due fattori: la sfacciataggine di Martino che inserisce nel contesto anche la favola de “La Bella Addormentata Nel Bosco” e la presenza di tre “attori-cardini” come Micheal Sopkiw, Edmund Purdom e George Eastman.

Sopkiw vera meteora americana del cinema di genere ha partecipato a soli quattro film, tutti orgogliosamente italiani, prima di chiudere la sua carriera e darsi all’imprenditoria. Sopkiw qui è il “bel” eroe “Parsifal” una sorta di Snakes Plinsky però meno 249-2019dopolacadutadinewyork1vissuto e più fighetto.

Purdom invece, è il viscido capo dei rivoltosi. George Eastman è sempre lui, il mitico ed affidabile interprete di tanti film di genere, qui qui alle prese con l’uomo-scimmia “Big Ape”. A loro si uniscono Anna Kanakis, Paolo Scalondro e Romano Puppo, oltre all’avvenenza di Valentine Monier.
Tutti quanti in una storia che racconta di un mondo che a seguito guerra nucleare è così contaminato che nessuno riesce più a procreare. Ma il presidente della “Nuova Confederazione” (Purdom) e i suoi consiglieri hanno scovato a New York l’ultima donna sulla terra in grado di avere figli: “La Bella Addormentata Nel Bosco” che giace in un laboratorio.

New York invece è un postaccio infame, pieno di criminali e soprattutto governato dagli androidi Eurac. Per recuperare la donna249-2019dopolacadutadinewyork2 viene mandato un eroe sportivo, campione di una specie di automobilismo, Parsifal (Sopkiw), che tra combattimenti, fughe e anche un incredibile camuffamento di un’auto in stile “A-Team” riesce ad uscire vivo dalla città. Sulla sua strada trova anche “Big Ape”, un uomo scimmia re di una piccola tribù di suoi simili.
Quello che succede alla razza umana non ve lo sveliamo, per non rovinarvi il pathos delle ultime scene. Sebbene esse siano recitate malissimo.
“2019: Dopo La Caduta di New York” è diventato un post-nuke di culto. Meritatamente. Una pellicola che fa simpatia e che merita d’essere rivista e  supportata nella lotta del, seppur dubbio, caso di plagio.

 

english2

Scheda Tecnica

Titolo Originale: 2019-Dopo La Caduta di New York
Titoli Alternativi:2019 – Depois da Queda de New York (Portogallo), 2019 après la chute de New York (Francia), 2019, tras la caída de Nueva York (Spagna),2019: After the Fall of New York (USA), 2019: Nea Yorki, Stin kolasi tis Neas Yorkis (Grecia), After the Fall of New York (USA), Fireflash – Der Tag nach dem Ende (Germania), New Yorkin tuhon jälkeen vuonna 2019 (Finlandia), The Fall of New York (Filippine), Vlucht uit New York (Olanda)
Anno: 1983
Nazione: Italia
Regia: Martin Dolman (Sergio Martino)
Cast: Micheal Sopkiw, George Eastman, Edmund Purdom, Anna Kanakis, Paolo Scalondro, Romano Puppo
Durata: 96′
Casa di Produzione: Les Films du Griffon, Medusa Produzione, Nuova Dania Cinematografica

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>